sabato 2 luglio 2016

Crimini Francesi Liberté, Égalité, Fraternité

Crimini Francesi Liberté, Égalité, Fraternité: 14 paesi africani costretti dalla Francia a pagare imposte coloniali per i benefici di schiavitù e colonizzazione. Attuati meccanismi imperialisti FMI

28 gennaio 2014
Lo sapevate che molti paesi africani continuano a pagare le tasse coloniali alla Francia dalla loro indipendenza fino ad oggi !!

Bene, semplicemente, molto semplicemente spiegati i meccanismi in uso in tutto il mondo, non solo in Africa, nulla da stupirsi nella "ebraicissima" Francia.
Ora capisco perchè in Francia Victor Hugo scriveva "I Miserabili", invece in Italia Dante Alighieri scriveva "La Divina Commedia".
Certe volte diventa difficile commentare, qu
esta è una di quelle volte, non perchè non me lo aspettassi o perchè mi ha scioccato, perchè l'ipocrisia, la meschinità e quant'altro delle volte superano il tollerabile, si potrebbe scrivere una enciclica come commento. Si permettono di bloccarli alla frontiera e rimandarceli indietro, a noi che gli annulliamo i debiti per poi fare ingrassare loro, non gli basta vampirizzargli 500 cinquecento miliardi di dollari anno dopo anno dal 1961 e vanno a fare l'ennesimo colpo di stato in Libia con i medesimi sistemi descritti nell'articolo, per rapinare il petrolio che onestamente l'Italia comprava, in appendice il link ai relativi documenti desecretati.
     
Non riescono nemmeno a stare dentro il patto di stabilità, con questa rapina perpetua e non ci posso credere hanno rapinato 21 miliardi di dollari ad Haiti, leggete, leggete, incredibile, non i fatti l'incredibile è che vengono a fare la morale a noi, che voglio dire ancora si hanno da digerire le "marocchinate" della II guerra mondiale. Parassiti è troppo poco, sanguisughe e pidocchi meglio li rappresentano, bisognerebbe chiedergli i danni per concorrenza sleale, chiaro non sono solo loro, capito come mai i migranti e tutto quello che ne viene, ah ancora non avete letto, il sistema è sempre il solito degli imperialisti "usraeliani", FMI ed ecc., colpi di stato, omicidi, corruzzioni e così via. Leggendo si avrà chiaro il sistema come e perchè hanno fatto fuori, denigrandoli prima e dopo i leader che avevano a cuore il loro paese, Mussolini, Ceausescu, Saddam, Gheddafi, Moro, Kennedy, Ali Bhuttotutta la famiglia Romanoff, lo Zar di Russia, prima o poi mi metto a cercarli tutti, perchè quà si parla di Francia ed Africa ma è tutto uguale, il giochino non cambia, come già ne avevo parlato in appendice delle ovvie conferme di quanto descritto. Non proseguo tutto quello che potrei scrivere dovrebbe venire già in mente a voi leggendo, e dire che l'ho trovato per caso, un commento in un sito che consigliava di leggerlo, il prossimo che sento parlare di complotti lo affogo ....
Ah beh è ovvio che il motto francese è giacobino, ma
ssone ... cittadino, cittadino ... stà M....A
Quando Sékou Touré della Guinea ha deciso nel 1958 di uscire dall'impero coloniale francese, e ha optato per l'indipendenza Paese, l'elite coloniale francese a Parigi era così furiosa, che in un atto storico di furia dell'amministrazione francese in Guinea ha distrutto nel paese tutto ciò che rappresentava quello che chiamavano i vantaggi di colonizzazione francese.
Tremila francesi hanno lasciato il paese, prendendo tutte le loro proprietà e distruggendo tutto ciò che che non poteva essere spostato: scuole, asili, edifici della pubblica amministrazione sono stati sbriciolati; automobili, libri, medicine, strumenti dell'istituto di ricerca, trattori sono stati schiacciati e sabotati; cavalli, mucche nelle aziende sono stati uccisi, e il cibo nei magazzini è stato bruciato o avvelenato.

Lo scopo di questo atto oltraggioso è stato quello di inviare un messaggio chiaro a tutte le altre colonie che le conseguenze per respingere la Francia sarebbero state molto elevate.

Lentamente la paura si diffuse attraverso l'elite africana, e nessuno dopo gli eventi della Guinea ha mai più trovato il coraggio di seguire l'esempio di Sékou Touré, il cui slogan era :
"Noi preferiamo la libertà nella povertà alla ricchezza in condizioni di schiavitù."
Sylvanus Olympio , il primo presidente della Repubblica del Togo, un piccolo paese in Africa occidentale, ha trovato una soluzione di mezzo con i francesi.
Non voleva che il suo paese continuasse ad essere un dominio francese, quindi, si è rifiutato di firmare il patto di prosecuzione della colonizzazione proposto da De Gaule, ma ha accettato di pagare un debito annuale alla Francia per i cosiddetti benefici che il Togo avrebbe ricevuto dalla colonizzazione francese.
Era l'unica condizione per i francesi per non distruggere il paese prima della partenza.  
Tuttavia, l'importo stimato dalla Francia era così grande che il rimborso del cosiddetto "debito coloniale" era vicino al 40% del bilancio Paese nel 1963.

La situazione finanziaria del Togo, da poco indipendente era molto instabile, per cui al fine di uscire dalla situazione, Olympio ha deciso di uscire dal denaro coloniale francese FCFA (il franco per le colonie africane), ed emettere la propria moneta del paese.
Il 13 gennaio 1963, tre giorni dopo aver iniziato la stampa della  propria valuta del suo paese, una squadra di soldati analfabeti sostenuta dalla Francia ha ucciso il primo presidente eletto dell'Africa da poco indipendente. Olympio fu ucciso da un ex sergente della Legione Straniera dell'esercito francese chiamato Etienne Gnassingbe che presumibilmente ha ricevuto una taglia di $ 612 presso l'ambasciata locale francese per il lavoro di tiratore scelto.
Il sogno di Olympio era quello di costruire un paese indipendente e autosufficiente e autonomo. Ma ai francesi non piaceva l'idea.

Il 30 giugno 1962, Modiba Keita , il primo presidente della Repubblica del Mali, ha deciso di ritirarsi dalla valuta coloniale francese FCFA che è stata imposta a 12 paesi africani di nuova indipendenza. Per il presidente del Mali, che era favorevole più per un'economia socialista, era chiaro che il patto con la Francia di continuazione della colonizzazione era una trappola, un peso per lo sviluppo del Paese.
Il 19 novembre 1968, come, Olympio, Keita sarà vittima di un colpo di stato effettuato da un altro ex legionario straniero francese, il tenente Moussa Traoré .
Infatti in quel periodo turbolento della lotta africana per liberarsi dalla colonizzazione europea, la Francia avrebbe ripetutamente utilizzare molti ex legionari stranieri per effettuare colpi contro i presidenti eletti:
- Il 1 ° gennaio 1966 Jean-Bédel Bokassa , un ex legionario straniero francese, ha effettuato un colpo di stato contro David Dacko , il primo Presidente della Repubblica Centrafricana.
- Il 3 gennaio 1966 Maurice Yaméogo , il primo Presidente della Repubblica dell'Alto Volta, ora chiamato Burkina Faso, è stato vittima di un colpo di stato eseguito da Aboubacar Sangoulé Lamizana , un ex legionario francese che ha combattuto con le truppe francesi in Indonesia e in Algeria contro l'indipendenza di questi paesi .
- Il 26 ottobre 1972 Mathieu Kérékou che era una guardia di sicurezza del Presidente Hubert Maga , il primo Presidente della Repubblica del Benin, effettuava un colpo di stato contro il presidente, dopo aver frequentato le scuole militari francesi nel 1968-1970 .

Infatti, nel corso degli ultimi 50 anni, per un totale di 67 colpi di stato avvenuti in 26 paesi in Africa, 16 di questi paesi sono
 ex-colonie francese, il che significa il 61% dei colpi di stato è accaduto in Africa francofona.

Numero di colpi di stato in Africa per paese :
Ex colonie francesi Altri paesi africani
Nazione Numero di colpi di statoNazionenumero di colpi di stato
Andare1Egypte1
Tunisia1Libye1
Costa d'Avorio1Guinea Equatoriale1
Madagascar1Guinea-Bissau2
Ruanda1Liberia2
Algeria2Nigeria3
Congo - RDC2Etiopia3
Mali2Ouganda4
Guinea Conakry2Soudan5
SUB-TOTALE 113

Congo3

Tchad3

Burundi4

Africa centrale4

Niger4

Mauritania4

Burkina Faso5

Comores5

SUB -Totale 232

TOTALE (1 + 2)45TOTALE22
Come dimostrano questi numeri, la Francia è abbastanza disperata ma attiva per mantenere una forte presa sulle sue colonie quale che sia mai il costo, non importa quale.
Nel marzo 2008, l'ex presidente francese Jacques Chirac ha detto:
"Senza l'Africa, la Francia scivolerà giù nel rango di un terzo [mondo] potere"
Il predecessore di Chirac François Mitterand aveva già profetizzato nel 1957 che:
"Senza l'Africa, la Francia avrà nessuna storia nel 21° secolo"
In questo momento che sto scrivendo questo articolo, 14 paesi africani sono obbligati dalla Francia, attraverso un patto coloniale, a mettere l'85% delle loro riserve valutarie nella banca centrale di Francia sotto il controllo del ministro francese delle Finanze. Fino ad oggi, 2014, Togo e circa altri 13 paesi africani devono ancora pagare il debito coloniale alla Francia. I leader africani che rifiutano vengono uccisi o vittima di colpo di stato. Coloro che obbediscono sono supportati e ricompensati dalla Francia con uno stile di vita sontuoso, mentre il loro popolo deve sopportare condizioni di estrema povertà e disperazione.
Questo è il sistema comune ad uso in tutto il mondo da parte dell'imperialismo "usraeliano" tramite l'FMI e la Banca Mondiale, ONU e NATO, al soldo dei Banksters, lampante la storia di Ceausescu, ma anche di tanti altri, tutti, tutti quelli deposti in un modo nell'altro, assassinati, colpi di stato, processi, guerre, false rivoluzioni; ormai ben documentato ... (NdR)
Si tratta di un sistema così malevolo che è stato anche denunciato dall'Unione Europea, ma la Francia non è pronta ad uscire da quel sistema coloniale che mette a circa 500 miliardi di dollari dall'Africa nella sua tesoreria anno dopo anno.
Spesso accusiamo i leader africani di corruzione e di servire gli interessi delle nazioni occidentali, invece, c'è una spiegazione chiara per quel comportamento. Si comportano così perché hanno paura l'essere uccisi o vittima di un colpo di stato. Vogliono una nazione potente per farne una partnership in caso di aggressione o di difficoltà. Ma, al contrario di una nazione amica di protezione, la protezione occidentale è spesso offerta in cambio a questi leader con la rinuncia a servire il proprio popolo o gli interessi delle proprie nazioni.
I leader africani avrebbero lavorato nell'interesse del loro popolo, se non erano costantemente "stalked and bullied" inseguiti e perseguitati da parte dei paesi coloniali.
Basi militari USA e Francesi in Africa
Nel 1958, per paura delle conseguenze per la scelta dell'indipendenza dalla Francia, Leopold Sedar Senghor ha dichiarato:
"La scelta del popolo senegalese è l'indipendenza; vogliono che avvenga solo in amicizia con la Francia, non è in discussione".
Da allora in poi la Francia ha accettato solo una "indipendenza sulla carta" per le sue colonie, ma ha firmato "accordi di cooperazione" vincolanti, specificando la natura delle loro relazioni con la Francia, in particolare i legami con la moneta coloniale di Francia (il franco), il sistema educativo Francia, militare e le preferenze commerciali.
Di seguito sono elencate le 11 principali componenti del patto di prosecuzione della colonizzazione dal 1950:
# 1. Debito coloniale per i benefici della colonizzazione della Francia 
I paesi "indipendenti" di recente devono pagare per l'infrastruttura costruita dalla Francia nel paese durante la colonizzazione.
Devo ancora scoprire i dettagli completi su gli importi, la valutazione dei benefici coloniali e le modalità di pagamento imposto ai paesi africani, ma stiamo lavorando su questo (ci aiutano con le informazioni).

# 2. La confisca automatica delle riserve nazionali

I paesi africani dovrebbero depositare le loro riserve monetarie nazionali in banca centrale di Francia.
La Francia ha trattenuto le riserve nazionali di quattordici paesi africani dal 1961: Benin, Burkina Faso, Guinea-Bissau, Costa d'Avorio, Mali, Niger, Senegal, Togo, Camerun, Repubblica Centrafricana, Ciad, Congo-Brazzaville, Guinea Equatoriale e il Gabon .

"La politica monetaria è subordinata, tale aggregazione eterogenea di paesi è semplice perché è, infatti, gestito dal Tesoro francese, senza alcun riferimento alle autorità fiscali centrali di uno degli elementi WAEMU o CEMAC. Secondo i termini dell'accordo che ha istituito queste banche e il CFA, la Banca centrale di ciascun paese africano è obbligato a tenere almeno il 65% delle sue riserve di valuta estera in un "operazioni di conto" da tenersi presso il Tesoro francese, così come un altro 20% per coprire le passività finanziarie.

Le banche centrali CFA impongono anche un tappo sul credito concesso a ciascun paese membro pari al 20% delle entrate pubbliche di quel paese nel corso dell'anno precedente. Anche se il BEAC e la BCEAO hanno un credito in conto corrente con il Tesoro francese, gli utilizzi di questi scoperti di conto corrente sono soggetti al consenso del Tesoro francese. L'ultima parola è quella del Tesoro francese che ha investito le riserve valutarie dei paesi africani a proprio nome alla Borsa di Parigi.

In breve, oltre l'80% delle riserve estere di questi paesi africani sono depositati nei "conti delle operazioni" controllati dal Tesoro francese. Le due banche sono CFA africane nel nome, ma non hanno politiche monetarie loro proprie. I paesi stessi non sanno, né è stato detto, quanta parte del pool di riserve in valuta estera detenute dal Tesoro francese appartiene a loro come un gruppo o individualmente.

I guadagni degli investimenti di questi fondi nel pool Tesoro francese dovrebbero essere aggiunti al pool, ma non è dato di contabilità per entrambe le banche o i paesi dei dettagli di tali modifiche. Un gruppo ristretto di alti funzionari del Tesoro francese che hanno conoscenza degli importi dei "conti operazioni", in cui viene investito in tali fondi; se vi è un profitto su tali investimenti; è vietato di divulgare una di queste informazioni alle banche CFA o le banche centrali degli stati africani. 
Ha scritto Dr. Gary K. Busch
"Si stima che la Francia sta tenendo quasi 500 miliardi dei paesi africani di denaro nella sua tesoreria, e farebbe di tutto per combattere tutti coloro che vogliono gettare luce su questo lato oscuro del vecchio impero".
I paesi africani non hanno accesso a quel denaro.

Francia permette loro di accedere solo il 15% del denaro in un dato anno. Se hanno bisogno di più di questo, devono prendere in prestito il denaro extra dal proprio 65% dal Tesoro francese a tassi commerciali.

Per rendere la cosa più tragica, la Francia impone un limite alla quantità di denaro che i paesi potrebbero prendere in prestito dalla riserva. Il tappo è fissato al 20% delle loro entrate pubbliche nel corso dell'anno precedente. Se i paesi hanno bisogno di prendere in prestito più del 20% del proprio denaro, la Francia ha un diritto di veto.

L'ex presidente francese Jacques Chirac ha recentemente parlato del denaro delle nazioni africane nelle banche in Francia . Ecco un video dove stà parlando del sistema di sfruttamento francese. Sta parlando in francese, ma qui è una breve trascrizione estratto: 
". Dobbiamo essere onesti e riconoscere che una grande parte del denaro nelle nostre banche provengono proprio dallo sfruttamento del continente africano"
Chirac ha riconosciuto il saccheggio dell'Africa. Per una volta, un politico francese riconosce che l'Europa è ricca sulle spalle di africani e non è cambiato nulla ...

# 3. Diritto di prelazione su qualsiasi risorsa grezzo o naturale scoperta nel paese
La Francia ha il primo diritto di acquistare tutte le risorse naturali presenti nella terra delle sue ex colonie. E 'solo dopo che la Francia avrebbe detto, "non mi interessa", che i paesi africani sono autorizzati a cercare altri partner.

# 4. La priorità per gli interessi francesi e imprese in materia di appalti pubblici e di offerta pubblica

Nel aggiudicazione di appalti pubblici, le società francesi devono essere considerate per prime, e solo dopo che questi paesi potrebbero guardare altrove. Non importa se i paesi africani possono ottenere un migliore rapporto qualità-prezzo altrove.

Come conseguenza, in molte delle ex-colonie francesi, tutte le major economiche  attive dei paesi sono nelle mani di espatriati francesi. In Costa d'Avorio, per esempio, le aziende francesi possiedono e controllano tutte le maggiori utilities - acqua, elettricità, telefono, trasporti, porti e grandi banche. Lo stesso nel commercio, l'edilizia e l'agricoltura.

Alla fine, come ho scritto in un precedente articolo, gli africani ora vivono in un continente di proprietà di europei!


# 5. Diritto esclusivo di fornire equipaggiamento militare e addestrare gli ufficiali militari nazionali

Attraverso uno schema sofisticato di borse di studio, sussidi, e "accordi di difesa" allegati al patto coloniale, gli africani devono inviare i loro alti ufficiali militari per la formazione in Francia o strutture gestite da formazione francese.

La situazione del continente è ora che la Francia ha formato centinaia, addirittura migliaia di traditori e li nutrono. Sono dormienti quando non sono necessari, ed attivati ​​in caso di necessità per un colpo di stato o di qualsiasi altro scopo!

Guarda, guarda la combinazione come i "Sayanim" israeliani ... (NdR)


# 6. Diritto per la Francia di pre-schierare truppe e di intervenire militare nel paese per difendere i suoi interessi

Sotto qualcosa chiamato "Accordi di difesa" allegate al patto coloniale, la Francia ha il diritto legale di intervenire militarmente nei paesi africani, e anche avere truppe stazionate in modo permanente nelle basi e strutture militari in quei paesi, gestite interamente dai francesi.

Basi militari francesi in Africa:
Basi militari francesi in Africa
Nuove forze militari francesi nella zona Sahariana. Le forze francesi saranno organizzate
intorno a quattro campi base, ciascuno con la propria attenzione, e con quartier generale
nella capitale ciadiana di N'Djamena
Quando il presidente Laurent Gbagbo della Costa d'Avorio ha cercato di porre fine allo sfruttamento francese del paese, la Francia ha organizzato un colpo di stato. Durante il lungo processo per cacciare Gbagbo, carri armati, elicotteri e forze speciali francesi sono intervenute direttamente nel conflitto, hanno sparato sui civili e ne hanno uccisi molti.

Per aggiungere la beffa al danno, la Francia ha stimato che il mondo degli affari francese aveva perso diversi milioni di dollari, quando nella fretta di lasciare Abidjan nel 2006 l'esercito francese ha massacrato 65 civili disarmati e ne ha feriti altri 1.200.

Dopo che la Francia è riuscito nel colpo di stato, ha trasferito il potere a Alassane Ouattara , la Francia ha chiesto il governo Ouattara di pagare un risarcimento alla comunità d'affari francese per le perdite durante la guerra civile.

In effetti il ​​governo Ouattara ha pagato loro due volte quello che hanno detto che avevano perso in partenza.

# 7. Obbligo di rendere il francese lingua ufficiale del paese e lingua per l'istruzione

Oui, monsieur. Vous Devez Parlez français, la lingua di Molière!

Un'organizzazione per la lingua e la cultura francese diffusione è stata creata e chiamata "Francofonia" con diversi satelliti e le organizzazioni affiliate supervisionati dal Ministro degli esteri francese.

Come dimostrato in questo articolo , se il francese è l'unica lingua che parli, hai accesso a meno del 4% della conoscenza dell'umanità e idee. Questo è molto limitante.

# 8. Obbligo di utilizzare
denaro coloniale francese FCFA

Questo è il vero latte di mucca per la Francia, ma si tratta di un sistema così malevolo che è stato anche denunciato dall'Unione Europea, ma la Francia non è pronto ad uscire da quel sistema coloniale che mette a circa 500 miliardi di dollari dall'Africa nel suo tesoro.

Durante l'introduzione della moneta euro in Europa, altri paesi europei hanno scoperto il regime di sfruttamento francese. Molti, specialmente i paesi nordici, sono rimasti sconvolti ed hanno suggerito la Francia sbarazzarsi del sistema, ma senza successo.


# 9. Obbligo di inviare alla Francia bilancio annuale e la relazione di riserva.

Senza il rapporto, senza soldi.

In ogni caso il segretario delle banche centrali delle ex-colonie, e il segretario della riunione biennale dei ministri delle Finanze delle ex-colonie viene effettuata dalla banca centrale francese / Tesoro.
(sic, incomprensibile probabilmente vengono effettuati automaticamente NdR)
# 10. Rinuncia di entrare in un'alleanza militare con qualsiasi altro paese se non autorizzati dalla Francia

Paesi africani, in generale, sono quelli con la volontà di alleanze militari meno regionali. La maggior parte dei paesi hanno solo alleanze militari con i loro ex-colonizzatori! (Divertente, ma non si può fare di meglio!).

Nel caso ex colonie della Francia, la Francia vieta loro di cercare altre alleanza militare, tranne quella che ha offerto loro.

# 11. Obbligo di allearsi con la Francia in situazione di guerra o di crisi globale


Oltre un milioni di soldati africani hanno combattuto per la sconfitta del nazismo e del fascismo durante la seconda guerra mondiale.
Remenber "Marocchinate" (NdR)
Il loro contributo è spesso ignorato o minimizzato, ma se si pensa che ci sono voluti solo sei settimane per la Germania per sconfiggere la Francia nel 1940, la Francia sa che gli africani potrebbe essere utile per combattere per la "Grandeur de la France" in futuro.
C'è qualcosa di quasi psicopatico nel rapporto della Francia con l'Africa.

In primo luogo, la Francia è fortemente dipendente dai saccheggi e dallo sfruttamento dell'Africa dai tempi della schiavitù. Poi c'è questa completa mancanza di creatività e fantasia nell'elite francese di pensare oltre il passato e la tradizione.

Infine, la Francia ha 2 istituzioni che sono completamente congelate nel passato, abitate da "fonctionnaires haut", alti funzionari paranoici e psicopatici che diffondono la paura dell'apocalisse se la Francia avesse cambiato, e il cui riferimento ideologico ancora proviene dal romanticismo del 19° secolo: sono il ministro della Finanze e bilancio della Francia e del Ministro degli Affari esteri di Francia.

Questi 2 istituzioni non sono solo una minaccia per l'Africa, ma per i francesi stessi.
Sta a noi come africani per liberare noi stessi, senza chiedere il permesso, perché io ancora non riesco a capire per esempio, come 450 soldati francesi in Costa d'Avorio potrebbero controllare una popolazione di 20 milioni di persone !?

La prima reazione delle persone quando vengono a conoscenza dell'imposta coloniale francese è spesso una domanda:
"Fino a quando?"
Per fare un confronto storico, la Francia ha fatto pagare ad Haiti  l'equivalente moderno di $ 21 miliardi di dollari dal 1804 fino al 1947 (quasi un secolo e mezzo) per le perdite causate ai commercianti di schiavi francesi dall'abolizione della schiavitù e la liberazione degli schiavi di Haiti.

i paesi africani stanno pagando la tassa coloniale solo per gli ultimi 50 anni, quindi penso che un secolo di pagamento potrebbe essere lasciato ! ..................................

A proposito di Mawuna Remarque Koutonin
Mawuna Koutonin è un attivista per la pace mondiale, che lavora senza sosta per permettere alle persone di esprimere il loro pieno potenziale e perseguire i loro sogni, a prescindere dal loro background. Egli è il editior di SiliconAfrica.com, fondatore di Goodbuzz.net, e attivista sociale per l'Africa del Rinascimento.ultimo sogno di Koutonin è quello di aprire un potenziale di sviluppo umano scuola di classe mondiale in Africa nel 2017. Se siete interessati a saperne di più su questa impresa o di altri progetti di Koutonin, lo si può raggiungere direttamente via email a linkcrafter@gmail.com

Aggiungo come appendice il link all'articolo Libia:documenti Usa confermano, fu guerra contro l’Italia e qualche documentario in tema dalla trasmissione RAI di giornalismo investigativo "C’era Una Volta" di Silvestro Montanaro, il tutto a conferma di quanto sopra riportato ...
« Ombre Africane », una serie di 3 film di un'ora dedicati alla  Liberia, contengono alcune testimonianze inedite di liberiani compagni di Charles Taylor, sull'assassinio di Thomas Sankara. Questi ultimi danno un nuovo impulso alla versione sin’ora conosciuta. Soprattutto, questi testimoni affermano d’aver partecipato a questo complotto della Francia e della CIA americana.
« Ombre Africane » Nella prima puntata di “Ombre Africane” si puntano i riflettori sulla vicenda liberiana. Questo piccolo paese dell’Africa occidentale, per tanti anni base delle operazioni americane in Africa, e’ stato teatro di piu’ colpi di stato e tanti anni di guerra civile. “C’era una volta” racconta i retroscena dell’ascesa al potere del signore della guerra Charles Taylor accusato da alcuni suoi fedelissimi di aver partecipato all’assassinio del presidente del Burkina Faso, Thomas Sankara. Sankara, leader di un’Africa che voleva farcela da sola e della battaglia contro le catene del debito, viene ucciso nel 1987. Alcuni dei suoi assassini raccontano i dettagli della vicenda ed adombrano potenti mandanti internazionali.
« Ombre Africane » seconda puntata. Un continente più di tutti gli altri, per la storica fragilità delle sue istituzioni ed economie, ha pagato il prezzo più alto: ancora una volta l’Africa. Nella seconda puntata di “Ombre Africane” ancora sconvolgenti rivelazioni sull’ascesa al potere di Charles Taylor, sugli interessi che si nascosero dietro la guerra dei diamanti in Liberia e Sierra leone, sull’ambiguo ruolo svolto dalla diplomazia americana in queste vicende. Ed in più il giallo che sembrerebbe accompagnare la presenza della missione di pace dell’Onu in Liberia. Uno dei suoi più importanti leader viene accusato di aver svolto e svolgere ancora affari in campo diamantifero. Vero, falso? Ombre africane…

« Ombre Africane » terza puntata. La testimonianza di protagonisti di primo piano, del Darfur, della Guinea Bissau e del Congo Brazzaville dove le vicende petrolifere hanno prodotto sanguinosi conflitti.


« La Francia in nero » “C'era una volta”, a partire dalla recente crisi in Costa d'Avorio, la perla degli ex possedimenti della Francia in Africa occidentale, inizia un viaggio nella realtà, nelle contraddizioni e negli interessi della "Francofonia" la comunità delle sue ex colonie francesi che l'appoggiano nell'assemblea generale delle Nazioni Unite.
La Francia è membro permanente del Consiglio di Sicurezza dell'ONU con diritto di veto sulle questioni internazionali più' importanti. Ne fa parte in quanto e' tra i Paesi vincitori della seconda guerra mondiale, ma questa sua posizione è certamente rafforzata dall'essere una potenza nucleare e proprio dall'essere a capo di questa comunità, retta non solo dalle ragioni della cooperazione e della libera amicizia, ma da un rapporto e da una serie di legami che potrebbero, secondo molti in Africa, far parlare tranquillamente di "neocolonialismo".Diffuso su RAI 3 nel settembre 2013, inchiesta sul campo dei massacri perpetrati dai ribelli ivoriani, che mette in causa l'ONU e la Francia. Un documentario alla cui diffusione ha fatto seguito una convocazione con il direttore della RAI all'ambasciata della Costa d'Avorio. I diplomatici di questo paese avrebbero minacciato ripercussioni economiche verso le imprese italiane in Costa d’Avorio.


« Ed uccisero la felicità » A 25 anni dall’assassinio di Thomas Sankara, il giovanissimo e straordinario presidente del Burkina Faso, uno dei paesi più poveri del mondo, C’era una volta racconta l’intreccio di interessi che portò alla sua morte e la grande attualità del suo pensiero. Sankara venne accusato di essere addirittura un folle. Perché? Secondo lui, la politica aveva senso solo se era onesta ed aveva, come suo primo e fondante obiettivo, la felicità.

Fonti   siliconafrica   ceraunavolta.rai
Articoli correlati
Tuesday, January 28th, 2014 at 3:41 pm.
Did you know many African countries continue to pay colonial tax to France since their independence till today!


When Sékou Touré of Guinea decided in 1958 to get out of french colonial empire, and opted for the country independence, the french colonial elite in Paris got so furious, and in a historic act of fury the french administration in Guinea destroyed everything in the country which represented what they called the benefits from french colonization.

Three thousand French left the country, taking all their property and destroying anything that which could not be moved: schools, nurseries, public administration buildings were crumbled; cars, books, medicine, research institute instruments, tractors were crushed and sabotaged; horses, cows in the farms were killed, and food in warehouses were burned or poisoned.

The purpose of this outrageous act was to send a clear message to all other colonies that the consequences for rejecting France would be very high.

Slowly fear spread trough the african elite, and none after the Guinea events ever found the courage to follow the example of Sékou Touré, whose slogan wa“We prefer freedom in poverty to opulence in slavery.”
Sylvanus Olympio, the first president of the Republic of Togo, a tiny country in west Africa, found a middle ground solution with the French.
He didn’t want his country to continue to be a french dominion, therefore he refused to sign the colonisation continuation pact De Gaule proposed, but agree to pay an annual debt to France for the so called benefits Togo got from french colonization.
It was the only conditions for the French not to destroy the country before leaving. However, the amount estimated by France was so big that the reimbursement of the so called “colonial debt” was close to 40% of the country budget in 1963.
The financial situation of the newly independent Togo was very unstable, so in order to get out the situation, Olympio decided to get out the french colonial money FCFA (the franc for french african colonies), and issue the country own currency.

On January 13, 1963, three days after he started printing his country own currency, a squad of illiterate soldiers backed by France killed the first elected president of newly independent Africa. Olympio was killed by an ex French Foreign Legionnaire army sergeant called Etienne Gnassingbe who supposedly received a bounty of $612 from the local French embassy for the hit man job.

Olympio’s dream was to build an independent and self-sufficient and self-reliant country. But the French didn’t like the idea.

On June 30, 1962, Modiba Keita , the first president of the Republic of Mali, decided to withdraw from the french colonial currency FCFA which was imposed on 12 newly independent African countries. For the Malian president, who was leaning more to a socialist economy, it was clear that colonisation continuation pact with France was a trap, a burden for the country development.

On November 19, 1968, like, Olympio, Keita will be the victim of a coup carried out by another ex French Foreign legionnaire, the Lieutenant Moussa Traoré.
In fact during that turbulent period of African fighting to liberate themselves from European colonization, France would repeatedly use many ex Foreign legionnaires to carry out coups against elected presidents:
– On January 1st, 1966, Jean-Bédel Bokassa, an ex french foreign legionnaire, carried a coup against David Dacko, the first President of the Central African Republic.
– On January 3, 1966, Maurice Yaméogo, the first President of the Republic of Upper Volta, now called Burkina Faso, was victim of a coup carried by Aboubacar Sangoulé Lamizana, an ex French legionnaire who fought with french troops in Indonesia and Algeria against these countries independence.
– on 26 October 1972, Mathieu Kérékou who was a security guard to President Hubert Maga, the first President of the Republic of Benin, carried a coup against the president, after he attended French military schools from 1968 to 1970.
In fact, during the last 50 years, a total of 67 coups happened in 26 countries in Africa, 16 of those countries are french ex-colonies, which means 61% of the coups happened in Francophone Africa.
Number of Coups in Africa by country
Ex French colonies Other African countries
Country Number of coupCountrynumber of coup
Togo1Egypte1
Tunisia1Libye1
Cote d’Ivoire1Equatorial Guinea1
Madagascar1Guinea Bissau2
Rwanda1Liberia2
Algeria2Nigeria3
Congo – RDC2Ethiopia3
Mali2Ouganda4
Guinea Conakry2Soudan5
SUB-TOTAL 113

Congo3

Tchad3

Burundi4

Central Africa4

Niger4

Mauritania4

Burkina Faso5

Comores5

SUB-TOTAL 232

TOTAL (1 + 2)45TOTAL22
As these numbers demonstrate, France is quite desperate but active to keep a strong hold on his colonies what ever the cost, no matter what.

In March 2008, former French President Jacques Chirac said:
“Without Africa, France will slide down into the rank of a third [world] power”
Chirac’s predecessor François Mitterand already prophesied in 1957 that:
“Without Africa, France will have no history in the 21st century”


At this very moment I’m writing this article, 14 african countries are obliged by France, trough a colonial pact, to put 85% of their foreign reserve into France central bank under French minister of Finance control. Until now, 2014, Togo and about 13 other african countries still have to pay colonial debt to France. African leaders who refuse are killed or victim of coup. Those who obey are supported and rewarded by France with lavish lifestyle while their people endure extreme poverty, and desperation.

It’s such an evil system even denounced by the European Union, but France is not ready to move from that colonial system which puts about 500 billions dollars from Africa to its treasury year in year out.
We often accuse African leaders of corruption and serving western nations interests instead, but there is a clear explanation for that behavior. They behave so because they are afraid the be killed or victim of a coup. They want a powerful nation to back them in case of aggression or trouble. But, contrary to a friendly nation protection, the western protection is often offered in exchange of these leaders renouncing to serve their own people or nations’ interests.
African leaders would work in the interest of their people if they were not constantly stalked and bullied by colonial countries.

In 1958, scared about the consequence of choosing independence from France, Leopold Sédar Senghor declared: “The choice of the Senegalese people is independence; they want it to take place only in friendship with France, not in dispute.”

From then on France accepted only an “independence on paper” for his colonies, but signed binding “Cooperation Accords”, detailing the nature of their relations with France, in particular ties to France colonial currency (the Franc), France educational system, military and commercial preferences.

Below are the 11 main components of the Colonisation continuation pact since 1950s:
#1. Colonial Debt for the benefits of France colonization
The newly “independent” countries should pay for the infrastructure built by France in the country during colonization.

I still have to find out the complete details about the amounts, the evaluation of the colonial benefits and the terms of payment imposed on the african countries, but we are working on that (help us with info).

#2. Automatic confiscation of national reserves

The African countries should deposit their national monetary reserves into France Central bank.

France has been holding the national reserves of fourteen african countries since 1961: Benin, Burkina Faso, Guinea-Bissau, Ivory Coast, Mali, Niger, Senegal, Togo, Cameroon, Central African Republic, Chad, Congo-Brazzaville, Equatorial Guinea and Gabon.

“The monetary policy governing such a diverse aggregation of countries is uncomplicated because it is, in fact, operated by the French Treasury, without reference to the central fiscal authorities of any of the WAEMU or the CEMAC. Under the terms of the agreement which set up these banks and the CFA the Central Bank of each African country is obliged to keep at least 65% of its foreign exchange reserves in an “operations account” held at the French Treasury, as well as another 20% to cover financial liabilities.

The CFA central banks also impose a cap on credit extended to each member country equivalent to 20% of that country’s public revenue in the preceding year. Even though the BEAC and the BCEAO have an overdraft facility with the French Treasury, the drawdowns on those overdraft facilities are subject to the consent of the French Treasury. The final say is that of the French Treasury which has invested the foreign reserves of the African countries in its own name on the Paris Bourse.

In short, more than 80% of the foreign reserves of these African countries are deposited in the “operations accounts” controlled by the French Treasury. The two CFA banks are African in name, but have no monetary policies of their own. The countries themselves do not know, nor are they told, how much of the pool of foreign reserves held by the French Treasury belongs to them as a group or individually.

The earnings of the investment of these funds in the French Treasury pool are supposed to be added to the pool but no accounting is given to either the banks or the countries of the details of any such changes. The limited group of high officials in the French Treasury who have knowledge of the amounts in the “operations accounts”, where these funds are invested; whether there is a profit on these investments; are prohibited from disclosing any of this information to the CFA banks or the central banks of the African states .” Wrote Dr. Gary K. Busch

It’s now estimated that France is holding close to 500 billions African countries money in its treasury, and would do anything to fight anyone who want to shed a light on this dark side of the old empire.
The African countries don’t have access to that money.

France allows them to access only 15% of the money in any given year. If they need more than that, they have to borrow the extra money from their own 65% from the French Treasury at commercial rates.

To make things more tragic, France impose a cap on the amount of money the countries could borrow from the reserve. The cap is fixed at 20% of their public revenue in the preceding year. If the countries need to borrow more than 20% of their own money, France has a veto.

Former French President Jacques Chirac recently spoke about the African nations money in France banks. Here is a video of him speaking about the french exploitation scheme. He is speaking in French, but here is a short excerpt transcript: “We have to be honest, and acknowledge that a big part of the money in our banks come precisely from the exploitation of the African continent.”
see top
#3. Right of first refusal on any raw or natural resource discovered in the country

France has the first right to buy any natural resources found in the land of its ex-colonies. It’s only after France would say, “I’m not interested”, that the African countries are allowed to seek other partners.

#4. Priority to French interests and companies in public procurement and public biding

In the award of government contracts, French companies must be considered first, and only after that these countries could look elsewhere. It doesn’t matter if the african countries can obtain better value for money elsewhere.

As consequence, in many of the french ex-colonies, all the majors economical assets of the countries are in the hand of french expatriates. In Côte d’Ivoire, for example, french companies own and control all the major utilities – water, electricity, telephone, transport, ports and major banks. The same in commerce, construction, and agriculture.

In the end, as I’ve written in a previous article, Africans now Live On A Continent Owned by Europeans!

#5. Exclusive right to supply military equipment and Train the country military officers

Through a sophisticated scheme of scholarships, grants, and “Defense Agreements” attached to the Colonial Pact, the africans should send their senior military officers for training in France or French ran-training facilities.

The situation on the continent now is that France has trained hundreds, even thousands of traitors and nourish them. They are dormant when they are not needed, and activated when needed for a coup or any other purpose!

#6. Right for France to pre-deploy troops and intervene military in the country to defend its interests

Under something called “Defence Agreements” attached to the Colonial Pact, France had the legal right to intervene militarily in the African countries, and also to station troops permanently in bases and military facilities in those
countries, run entirely by the French.

French military bases in Africa   see top

When President Laurent Gbagbo of Côte d’Ivoire tried to end the French exploitation of the country, France organized a coup. During the long process to oust Gbagbo, France tanks, helicopter gunships and Special Forces intervened directly in the conflit, fired on civilians and killed many.

To add insult to injury, France estimated that the French business community had lost several millions of dollars when in the rush to leave Abidjan in 2006 the French Army massacred 65 unarmed civilians and wounded 1,200 others.

After France succeeded the coup, and transferred power to Alassane Outtara, France requested Ouattara government to pay compensation to French business community for the losses during the civil war.

Indeed the Ouattara government paid them twice what they said they had lost in leaving.

#7. Obligation to make French the official language of the country and the language for education

Oui, Monsieur. Vous devez parlez français, la langue de Molière!

A French language and culture dissemination organization has been created called “Francophonie” with several satellites and affiliates organizations supervised by the French Minister of Foreign Affairs.

As demonstrated in this article, if French is the only language you speak, you’d have access to less than 4% of humanity knowledge and ideas. That’s very limiting.

#8. Obligation to use France colonial money FCFA

That’s the real milk cow for France, but it’s such an evil system even denounced by the European Union, but France is not ready to move from that colonial system which puts about 500 billions dollars from Africa to its treasury.

During the introduction of Euro currency in Europe, other european countries discovered the french exploitation scheme. Many, specially the nordic countries, were appalled and suggested France get rid of the system, but unsuccessfully.

#9. Obligation to send France annual balance and reserve report.

Without the report, no money.

Anyway the secretary of the Central banks of the ex-colonies, and the secretary of the bi-annual meeting of the Ministers of Finance of the ex-colonies is carried out by France Central bank / Treasury.

#10. Renonciation to enter into military alliance with any other country unless authorized by France

African countries in general are the ones with will less regional military alliances. Most of the countries have only military alliances with their ex-colonisers! (funny, but you can’t do better!).

In the case France ex-colonies, France forbid them to seek other military alliance except the one it offered them.

#11. Obligation to ally with France in situation of war or global crisis

Over one million africans soldiers fought for the defeat of nazism and fascism during the second world war.

Their contribution is often ignored or minimized, but when you think that it took only 6 weeks for Germany to defeat France in 1940, France knows that Africans could be useful for fighting for la “Grandeur de la France” in the future.

There is something almost psychopathic in the relation of France with Africa.

First, France is severely addicted to looting and exploitation of Africa since the time of slavery. Then there is this complete lack of creativity and imagination of french elite to think beyond the past and tradition.

Finally, France has 2 institutions which are completely frozen into the past, inhabited by paranoid and psychopath “haut fonctionnaires” who spread fear of apocalypse if France would change, and whose ideological reference still comes from the 19th century romanticism: they are the Minister of Finance and Budget of France and the Minister of Foreign affairs of France.

These 2 institutions are not only a threat to Africa, but to the French themselves.
It’s up to us as African to free ourselves, without asking for permission, because I still can’t understand for example how 450 french soldiers in Côte d’Ivoire could control a population of 20 millions people!?

People first reaction when they learn about the french colonial tax is often a question: “Until when?”

For historical comparison, France made Haiti to pay the modern equivalent of $21 billion from 1804 till 1947 (almost one century and half) for the losses caused to french slave traders by the abolition of slavery and the liberation of the Haitian slaves.

African countries are paying the colonial tax only for the last 50 years, so I think one century of payment might be left!
Powered by Traduttore

Don’t tread on me

Don’t tread on me
"Don’t tread on me", "Non calpestarmi", era uno dei motti degli americani che combatterono per l’indipendenza dalla Gran Bretagna, e la bandiera col serpente a sonagli è considerata una delle prime bandiere degli Stati Uniti d'America. A differenza della celebre bandiera a stelle e strisce, la bandiera col serpente a sonagli, detta Gadsden flag, non è associata col governo di Washington, ma rappresenta il popolo, e nel tempo è diventata anche un simbolo del movimento libertario.

Cerca nel blog

1 commento:

  1. eToro is the most recommended forex trading platform for new and pro traders.

    RispondiElimina