venerdì 22 luglio 2016

Reddito di cittadinanza nel Reame Due Sicilie 1831

DECRETI DEL REGNO DEI BORBONE


Francesco I 15 ottobre 1828
15 ottobre 1828
Luogo di stampa: Napoli
Descrizione: Francesco I per la grazia di Dio re del Regno delle due Sicilie.
Bando relativo al passaggio dei corrieri e dei procaccia per la nuova strada da Bari per Taranto a Lecce, invece di quella che si percorreva da Bari per Ostuni a Lecce, disposizioni e tariffe per i corrieri e le officine di posta. Napoli Stamperia Reale 15 ottobre 1828.

Ferdinando II 25 agosto 1832 

Reddito di cittadinanza nel Reame Due Sicilie, 1831

Reddito di cittadinanza nel Reame Due Sicilie 1831 a

Era il decreto n.131 del 4 gennaio 1831 che provvedeva di conferire un “assegno di disoccupazione per coloro i quali non possono assolutamente con il proprio travaglio sostenere se medesimi e la di loro famiglia”. Questi sussidi erano temporanei o perpetui per coloro i quali “per fisico impedimento non potrebbero mai più sostentarsi con il loro travaglio”. Fu creata una apposita Commissione che stabiliva a chi dare questi sussidi e che dava preferenza a giovani orfani o abbandonati, vedove con figli in tenera età, vecchi, ciechi, individui isolati e tanti altri ancora. La Commissione aveva a disposizione un fondo speciale dal quale prelevava soldi in caso di “soccorsi urgenti”. La discrezione era la base di ogni intervento e l’identità di tutti coloro che avevano diritto all’assegno restava segreta: “considerando esservi degl’individui o famiglie di tali condizioni che aborriscono il far manifesta la propria indigenza, la Commessione assumerà a sé il pietoso ufficio di ricercarle e conoscerle in modi occulti e diligenti onde prestar loro il soccorso che meritano con l’obbligo di custodire segretamente quelle notizie”.

25 agosto 1832
Luogo di stampa: Napoli
Descrizione: Bando di Ferdinando II per la grazia di Dio re del Regno delle due Sicilie. Sugli olii che si immettono per la via di terra nel comune di Gallipoli con vetture, sarà riscosso il dritto di grana quarantadue su di ogni vettura, in qualunque modo venga questa tirata o con uno, o con due, o con più animali. Per gli olii che si immettono in Gallipoli a schiena sarà dovuto un grano a stajo. Napoli Stamperia Reale 25 agosto 1832.

raccolta+differenziata+napoli 
La raccolta differenziata è nata a Napoli
Durante il Regno delle Due Sicilie, il 3 maggio del 1832, il re Ferdinando II di Borbone emanò un decreto firmato dall’allora prefetto della polizia, Gennaro Piscopo, a tutela della salute pubblica, nel quale, si obbligava bottegai e cittadini dell’epoca, a ripulire le strade adiacenti alle abitazioni o alle botteghe.
Questo è il decreto in lingua originale dell’epoca: “Tutt’i possessori, o fittuari di case, di botteghe, di giardini, di cortili, e di posti fissi, o volanti, avranno l’obbligo di far ispazzare la estensione di strada corrispondente al davanti della rispettiva abitazione, bottega, cortile, e per lo sporto non minore di palmi dieci di stanza dal muro, o dal posto rispettivo. Questo spazzamento dovrà essere eseguito in ciascuna mattina prima dello spuntar del sole, usando l’avvertenza di ammonticchiarsi le immondizie al lato delle rispettive abitazioni, e di separarne tutt’i frantumi di cristallo, o di vetro che si troveranno, riponendoli in un cumulo a parte“.
Una vera e propria raccolta differenziata. La si faceva per la sicurezza dei cittadini, in quanto, ci si poteva ferire con pezzi di cristallo o vetri rotti.
Il decreto era composto da ben 12 articoli dove era indicata la modalità della raccolta, le pene per i responsabili etc. Addirittura, in uno degli articoli, si faceva divieto di gettare dai balconi materiali di qualsiasi natura. Era vietato anche buttare l’acqua dei bagni e non si potevano nemmeno lavare o stendere panni lungo le strade abitate.
Chi trasgrediva a questo decreto era punito con multe salate o addirittura, in alcuni casi, con la detenzione. E non è tutto: si hanno notizie certe che già dal 1787 a Napoli, in città e nella campagna, si attuava il riciclo degli alimenti, forse, serviva per creare un compost per coltivare la terra. Napoli è stata la città più pulita d’Europa, circa 150-180 anni fa, prima dell’unità d’Italia.
Non tutti sono a conoscenza che il capoluogo partenopeo era una tra le città più importanti d’Europa. Una legge all’avanguardia.

Ferdinando II 24 novembre 1838 
24 novembre 1838
Luogo di stampa: Napoli
Descrizione: Bando di Ferdinando II per la grazia di Dio re del Regno delle due Sicilie. Decreto riguardante la rinnovazione del titoli di rendita sui terreni ex-feudali della provincia di Lecce. Napoli Stamperia Reale 24 novembre 1838.

Ferdinando II 15 febbraio 1843


Ferdinando II del 1839La tratta dei neri in America fu abolita dopo la guerra civile del 1865 – 
I  Borbone avevano provveduto a sanzionarla e vietarla con Decreto di Ferdinando II già nel 1839

15 febbraio 1843
Luogo di stampa: Napoli
Descrizione: Bando di Ferdinando II per la grazia di Dio re del Regno delle due Sicilie. In conseguenza sull’olio proveniente nei porti medesimi da’ luoghi delle provincia di Lecce, e che all’arrivo si dichiara per l’estero, si riscuoterà non solo il dazio di estrazione, ma benanche la sovraimposta di grana due a stajo. Napoli Stamperia Reale 15 febbraio 1843.

Le leggi di civiltà Borbonica
Il Codice Leuciano, ben presto tradotto in greco, francese e tedesco, anticipò di quasi un secolo le prime leggi sul lavoro varate in Inghilterra (previdenza, assistenza sanitaria, case ai lavoratori, asili nido, istruzione elementare obbligatoria e gratuita per i fanciulli). Esso perseguiva, infatti, obiettivi di convivenza tipicamente moderni e mirava a realizzare una sorta di socialismo evangelico.
cfr Breve saggio sulla legislazione borbonica

10 gennaio 1854 

10 gennaio 1854
Luogo di stampa: Lecce
Descrizione: Programma per la gran gala del 12 gennaio 1854 faustissimo giorno natalizio di sua  maestà il re nostro signore. Dettagliato programma dei festeggiamenti del sovrano ed elenco delle opere pubbliche e di beneficenza che per l’occasione avranno luogo nei paesi di: Campi, Leverano, Maglie, Palmariggi, Galatina, Sogliano, Cutrofiano, Supersano, Ruffano, Laterza, Pulsano, Francavilla, Caprarica di Lecce, Fragagnano, Sammarzano.
 
 

martedì 19 luglio 2016

I morti della R.S.I. non possono essere cancellati dall'incuria del tempo

Una ricerca durata mesi per restituire la verità ad un figlio

I morti della R.S.I. non possono essere cancellati dall'incuria del tempo
Giovanni Del Ry confessa: “Sono ottant'anni che aspetto di sapere”
Aveva ragione il buon Giovannino Guareschi. Si impara di più stando sepolti in un cimitero che sui banchi di scuola. Potrei aggiungere che quelli degli Archivi di Stato possono dare una mano. Ma quei luoghi silenziosi, dove i morti riposano sotto corone di fiori, insegnano sempre qualcosa. Soprattutto quando devi dare un nome ai caduti della Rivoluzione Sociale Fascista. Quando devi trovare la storia, quella vera, che li ha portati ad essere fucilati dai partigiani.
Arrivo a Pisa Centrale in orario. Sul piazzale della stazione le automobili si muovono come formiche: qualcuna blocca la fila per accogliere a bordo il viaggiatore che si era perso. Mordo appena il dente della pipa e, a pochi passi, borbotta una Balilla che fila via per via Filippo Corridoni. Per un attimo resto a fissare l'autoveicolo che si allontana. Ritorno poi lo sguardo alla piazza e raccolgo le idee mentre il fornello della pipa scalda il primo tabacco. Il sole cade preciso sui tetti e lungo le strade. All'improvviso, infilando il dito per allargare il collo della camicia, ho una voglia di mare.
Giovanni Del Ry abita a pochi passi dalla stazione, una via stretta dove i palazzi si alzano per alcuni piani e si guardano in faccia ormai da decenni.
Capita spesso di conoscere i parenti dei caduti della RSI per telefono. La domanda è sempre la stessa, quasi fossi uno di quei cronisti che la Storia ha ributtato indietro. Uno di quelli che usano i piedi, vecchio stampo, per andare incontro alle notizie.
“Buongiorno, mi scusi, sono un giornalista, per caso lei è parente di, fucilato da, il, in località...”. E il cronista che è in me, ma se ne sta in un angolo ben nascosto, resta in attesa. “Si, sono io. Era mio padre, mio figlio, mio fratello...”.
E nello stesso modo inizia l'incontro con il signor Giovanni, classe 1937, in un pomeriggio di maggio di quest'anno. Pioveva allora. Del Ry attende qualche secondo, mentre io aspetto che chiuda il telefono perché magari non vuole essere disturbato. Ma Giovanni, invece, ha voglia di parlare. “La ringrazio che si interessi al mio babbo. Ma non conosco molto. Sono ottanta anni che aspetto. Come ha fatto a trovarlo?”.
Per caso, come spesso succede quando non hai nulla in mano. Erano le solite giornate: archivio, giornale, letture. Poi un giorno la collega Emma Moriconi mi invia una foto: dobbiamo decidere una immagine da inserire per un articolo. L'occhio cade subito su alcune righe riportate nella pagina successiva. Giorgio Pisanò scrive di “sette fucilati, maggio del 1945, nel Comune di Casnate con Bernate, provincia di Como”.
Il Vicesindaco, Antonio Milani, mi accoglie una mattina in uno degli uffici del Comune. Casnate con Bernate è un paese che alle volte chiede fatica, fatto di salite e discese ripide. Lo abbraccia una campagna rigogliosa. Il palazzo comunale domina la piazza: alle spalle si apre il giardino della villa. E il paese si fa ammirare con discrezione, come una di quelle belle donne di un tempo che non vogliano scoprire troppo. È Milani a indicarmi luoghi, nomi, date.
Al Geometra Maurizio Maesani tocca invece il compito di sopportare la mia presenza in ufficio, proprio mentre scorro il registro degli atti comunali: registri cimiteriali e atti di morte sono il mio pane. E come se non bastasse, deve scortarmi nel polveroso archivio del Comune, forse la parte meno felice di tutta questa storia. Maesani si arrampica sui ripiani e fa scivolare nelle mie mani i faldoni che ho trascritto dal registro.
Perché di tutto, dei racconti della gente, dei ricordi, contano le carte bollate, le comunicazioni, le lettere. Sono queste le prove che raccontano la verità.
“Non saprei neanche dirle in che formazione militare ha combattuto mio padre” ha detto un giorno il signor Giovanni, con la sua voce calma, quasi rassegnata. Intanto stringevo fra le mani i fascicoli con tutta la documentazione su suo padre, Narciso Del Ry.

I documenti raccontano
Narciso, storia di un soldato
Il milite muore a 39 anni, fucilato dai partigiani, insieme al cognato Tullio Fedeli e altri cinque camerati

Narciso Del Ry, classe 1906, alto 1 metro e 68 centimetri, capelli castani e lisci, occhi celesti, dentatura sana, mento piccolo, è un meccanico ortopedico quando, nel 1926 parte per il servizio militare. Assegnato alla 4°Compagnia sanità di Bologna, a ottobre del 1926, viene imbarcato per Tripoli come Radiotelegrafista della 2°Batteria Mestre. Il 21 luglio 1927, il 21enne Narciso viene congedato dopo aver servito con fedeltà e onore (come da foglio di congedo).
Narciso lavora alla CIMASA, ai cantieri di Marina di Pisa, che si affacciano sul mare. Costruisce idrovolanti. (In seguito il figlio Giovanni lavorerà negli stessi stabilimenti una volta passati al Gruppo Fiat nda). Nel 1937 nasce il figlio Giovanni. Narciso ha in mente la sua famiglia e il lavoro ai cantieri che toccano il mare. Quella consuetudine non cambia neppure con lo scoppio della guerra. Narciso ha 34 anni.
Nel 1943 succede qualcosa. Non è solo il 25 luglio. Con l'otto settembre anche Narciso deve scegliere. E il cognato Tullio Fedeli lo esorta a seguirlo al Nord, per unirsi alle forze armate della Repubblica Sociale. Squadrista nella XXXVII Brigata Nera Emilio Tanzi di Pisa. Narciso combatte, arretrando inevitabilmente insieme alla linea del fronte. Ma è un buon soldato. E cerca sempre di restare con i suoi camerati Toscani.
Nei primi mesi del 1945 Narciso Del Ry si trova a Como. Insieme al cognato mangia spesso in un'osteria della città. Dopo il 25 aprile l'aria è pesante: i partigiani, la polizia del popolo e gli ex fascisti sono i padroni di ogni angolo di Como. Tutto ha voce, anche gli occhi. Narciso e il cognato Tullio non mangiano più alla solita osteria, ma questo non basta. Poi la cadenza toscana non passa inosservata. L'oste chiude il cerchio facendo la spiata ai partigiani. Narciso e Tullio non sanno ancora che dovranno morire.
Il 9 maggio del 1945 è una giornata fatta per lavorare nei campi. E Angelo Milani (padre dell'attuale Vicesindaco Milani nda) lavora nei campi che guardano verso la cappelletta della Madonnina di Casnate. Intanto il camion dei partigiani arriva proprio alla svolta della Madonnina. Narciso, Tullio e altri cinque Fascisti (per loro non esistono i certificati di morte nda) sono sul pianale. Il contadino sente i colpi dei mitra e vede i corpi dei Militi caduti in un angolo, vicino ad un albero. I partigiani costringono Angelo  Milani a caricare i morti sul carro per poi trasportarli al cimitero di Bernate. I sette Fascisti vengono seppelliti in una fossa comune. Narciso Del Ry, padre di Giovanni, muore così a 39 anni. Insieme al cognato Tullio Fedeli e altri cinque camerati.
Nella pipa il tabacco si raggruma, a tratti è bianco. Perdersi nel silenzio alle volte appare simile all'assenza di documenti, di prove. Senza quei pezzi di carta sarebbe rimasta la fossa comune, quei poveri resti contrassegnati da una croce con sette pietrine cimiteriali.
Dai documenti risulta invece che i corpi sono disseppelliti, per ordine della Procura di Como, il 16 maggio 1945: i corpi gonfi vengono lavati. I vestiti inviati al vicino Ospedale S. Anna di Como per la disinfezione. Il sindaco Galetti firma tutti i documenti di quei mesi, anche quello dove si specifica che “fra gli abiti è stata pure ritrovata una somma di Lire 965, che si trattiene a parziale copertura delle spese incontrate per il disseppellimento, trasporto dei suddetti cadaveri”. Ma è la Procura di Como che in data 9 giugno 1945 chiede di accludere la somma rinvenuta fra gli abiti negli atti riguardanti la fucilazione dei sette Fascisti.
La Federazione Nazionale Combattenti Repubblicani di Como giunge in soccorso di Oliviera Pasquini, vedova Del Ry, e della madre di Narciso, Aida Corucci, quando queste scrivono al Comune di Casnate con Bernate per avere il certificato di morte del loro caro, al fine di ottenere la pensione di guerra. Stessa sorte tocca a Caterina Del Ry, vedova di Tullio Fedeli. Le lettere si susseguono, dall'aprile del 1954, e spesso iniziano con “vogliano scusarmi ancora...”.
La pensione di guerra arriva per la vedova Del Ry e, nel 1957, Giovanni Del Ry entra alla CIMASA (intanto assorbita dalla Fiat) come orfano di guerra. Narciso Del Ry riposa a Musocco, nel Cimitero Monumentale di Milano, Campo X. Se vi capita di passare, adesso conoscete la sua storia.
Pisa è un catino bollente. Lascio che il fornello della pipa si spenga lentamente. L'Arno mi scorre davanti. Qualche bicicletta s'infila nelle vie alle mie spalle, proprio dal Lungarno Galileo Galilei. Una di queste è via San Martino, dove un tempo abitava Narciso Del Ry con la sua famiglia. Stringo il cannello della pipa con le dita. Sarebbe bello vederlo passare Narciso, magari sulla Balilla incrociata al mattino in stazione.
Alessandro Russo

TRATTO DA:

giovedì 14 luglio 2016

UNA VISITA AL MUSEO LOMBROSO


di
Antonella D’Addazio



Devo  la scoperta del caso  Villella  a Pino Aprile, che ne parlò  diversi anni fa nel corso di una conferenza che ebbi  modo di ascoltare. Fu grande la curiosità suscitata in me,  ma soltanto poche settimane fa ho avuto modo di visitare  il museo Lombroso, a Torino, che ospita il cranio del famoso “brigante”, almeno così è stato definito per troppo tempo.  Ladro, brigante o altro Villella non è stato che un reperto scientifico per un secolo e mezzo. Nel 2009 l’inaugurazione del nuovo museo Lombroso ha provocato una grande resurrezione mediatica di questo infelice essere umano che, per qualche motivo, morì in carcere e non ha ancora trovata una dignitosa sepoltura.

Cranio di Giuseppe Villella

Nel dicembre del 1870 Marco Ezechia ( Cesare) Lombroso esaminò  il cranio di Giuseppe Villella, originario di Motta Santa Lucia (Calabria) e morto a Pavia, sei anni prima, dove era detenuto. Il giovane scienziato si convinse di aver fatto una scoperta sensazionale:  rilevò che la fossetta occipitale mediana, dove si annida una parte del cervelletto, era più grande del normale. Poiché questa caratteristica compare nei lemuri ed in altri mammiferi, dedusse che in Villella erano riemersi caratteri primitivi, causa principale del suo comportamento; nacque così l’antropologia criminale, destinata a riscuotere enormi e controversi successi nel mondo. Queste teorie hanno fatto epoca, inculcando nell’immaginario collettivo una diversificazione razziale tra Nord e Sud Italia che, in realtà, non è mai esistita. Ed anche se le teorie di Lombroso sono state completamente confutate non soltanto dalla scienza moderna, ma già dal prof. Verga nel 1872 (i cui studi avevano in passato rilevato l’esistenza della fossetta in molti individui senza attribuire ad essa alcuna rilevanza), alcune sue idee sono così radicate che, troppo spesso, qualche ignorante di turno si esprime ancora oggi in modo infelice sottintendendo una presunta superiorità del settentrionale sul meridionale.

Cesare Lombroso

 Non dimentichiamo, tra l’altro, che il cranio fu ritrovato da Lombroso nel 1870. Se autopsia vi fu, dovette avvenire alla morte del soggetto, nel 1864, ad opera probabilmente del dott. Zanini, che firmò l’atto di morte (come dovette ammettere lo stesso Lombroso pochi anni dopo). Nel 1906 invece, dichiarando il falso ad un congresso, Lombroso affermò di aver egli stesso effettuato l’autopsia a Villella e ciò non era vero. Se avesse ammesso di non essere l’esecutore dell’autopsia avrebbe, in radice, destituito  di fondamenta la sua teoria avallando, di fatto, le parole del luminare Verga che, più di trenta anni prima, aveva richiesto a Lombroso la prova del rinvenimento di un terzo lobo del cervelletto a sostegno della sua tesi, prova che avrebbe potuto fornire soltanto l’esecutore dell’esame autoptico.


 Nel 1882, Lombroso, per le sue deliranti affermazioni, venne addirittura radiato dalla Società Italiana di Antropologia ed Etnologia. Aveva infatti svolto ricerche sul cretinismo, basandosi su comportamenti legati alla fisiognomica e, per compiacere i Savoia, quando il Veneto non era ancora parte dell’Italia unita, non ebbe timore di affermare persino che i Veneti rappresentassero i cretini tipici per eccellenza… Era di origine veneta anche lui.
Nel 1876 inaugurò a Torino un museo di psichiatria e criminologia che venne successivamente chiuso per un periodo lunghissimo e poi riaperto nel 2009, sempre intitolato a lui, nonostante sia stata ampiamente dimostrata la nullità scientifica dei suoi studi. Inoltre il cranio di Villella, calabrese, è ancora in mostra, e da protagonista, all’interno della struttura quale offesa e vilipendio nei confronti dei meridionali.


Il nuovo allestimento del museo vorrebbe comunque offrire al visitatore gli strumenti concettuali per comprendere come e perché questo personaggio, ancora oggi troppo controverso, formulò la teoria dell’atavismo criminale e quali furono gli sbagli che lo portarono a fondare una scienza poi risultata errata. Una visita in un luogo del genere potrebbe insegnare, ad una scolaresca saggiamente guidata, che occorre cautela nel leggere i risultati della scienza in quanto non è sempre così semplice comprendere il metalinguaggio di quelle informazioni che orientano la comprensione del messaggio espositivo.


Nella prima sala, ad esempio, un video basato su un dialogo immaginario tra due personaggi introduce al museo rievocando gli anni in cui visse Lombroso. La conversazione presenta il contesto sociale di quegli anni e si trasforma in una riflessione sul progresso, i suoi limiti ed i suoi pericoli. Non mancano, purtroppo, riferimenti inesatti a quella che era la condizione dell’ex Regno delle Due Sicilie al momento dell’annessione.  Il positivismo di Lombroso si esprime comunque già nei primi ambienti del museo da un lato nell’ estrema attenzione per la statistica e l’accumulo di documenti e dall’altro nell’applicare il metodo scientifico a discipline anche preesistenti, con una speciale attenzione per la devianza: psichiatria, antropologia criminale, sociologia del genio, del folle e del delinquente.

Cesare Lombroso sotto formalina

Il museo accoglie lo scheletro dello stesso Lombroso, per sua volontà,  in una teca in una delle prime sale. Una trentina di maschere in cera, che riproducono il volto di detenuti morti in carcere, rappresentano forse lo spettacolo più macabro; furono donate a Lombroso da Lorenzo Tenchini, docente di anatomia all’università di Parma, che le realizzò come una personale galleria degli aspetti anatomici, fisiognomici ed antropometrici propri dei criminali. Vengono inoltre conservati reperti umani raccolti e studiati da Lombroso e dai suoi allievi;  tra questi una collezione craniologica alquanto ricca. Non sono più riportati provenienza e nome della maggior parte dei teschi, probabilmente sono stati rimossi.
E’ interessante anche ricordare che il primo importante lavoro scientifico di Lombroso fu dedicato alla pellagra, malattia molto diffusa nelle popolazioni contadine dell’Italia settentrionale, che si manifestava con dermatiti, diarrea e demenza, fino alla morte. Egli rilevò la correlazione tra pellagra e alimentazione a base di mais. Ipotizzò che a causare la malattia fosse la farina di mais avariata e ritenne così dimostrata la propria tesi che difese contro ogni indizio discordante, che addirittura nascose.  Con il trattato profilattico e clinico su questa malattia (1892) la tesi di Lombroso si affermò anche all’estero.  Anche in questo caso siamo di fronte ad un clamoroso errore scientifico: non è la farina avariata a provocare la malattia, bensì una dieta quasi esclusivamente basata sul mais.  Infatti, nel 1937, ricercatori americani dimostrarono che la pellagra era dovuta alla carenza di acido nicotinico; questa sostanza, presente in uova, carne e lievito di birra verrà chiamata vitamina PP, da Pellagra Preventing.


Sono molte le fotografie presenti nel museo: ladri, assassini, pederasti ed anche bigami. Tanti volti inquietanti senza nome. Non dimentichiamo che nella seconda metà dell’ 800 la fotografia assunse un ruolo centrale sia nelle pratiche di controllo/repressione del crimine, sia nelle scienze come strumento conoscitivo dotato di un valore al tempo stesso rilevatore e certificatorio. La fotografia poteva supplire allo sguardo diretto e si sostituiva all’ oggetto stesso dell’analisi scientifica.
Al suo esordio come antropologo culturale, Lombroso  incominciò a vedere anche nel tatuaggio un indicatore di criminalità che metterà successivamente in stretto rapporto con l’atavismo: sarebbe la regressione verso forme biologiche primitive a spingere i criminali ad imprimere indelebilmente sul proprio corpo disegni, simboli e scritte. Osservò, infatti, che l’uso del tatuaggio prende proporzioni vastissime nella popolazione criminale.
Destano interesse, in una delle sale, le piante carnivore che offrono esempi di caratteri atavici nel mondo vegetale, quasi come se si trattasse di “piante criminali”. Atavismo deriva dal latino atavus, cioè il padre del trisnonno (atta=nonno). Il termine compare in Francia nel 1838 (atavisme) per indicare il ritorno dei caratteri di un antenato in un lontano discendente.


Sconvolgente l’abito di Versino (situato all’ interno di uno spazio dedicato al rapporto tra arte e devianza), una divisa altamente simbolica: non ha nulla a che vedere con i modelli di abbigliamento dell’ epoca, né con le divise dei manicomi. “L’ammalato di demenza precoce Versino G., ricoverato nel manicomio di  Collegno, essendo incaricato delle pulizie quotidiane, ogni giorno dopo essersene servito, lava accuratamente gli stracci, poi li sfilaccia, quindi ne forma dei cordoncini coi quali intesse indumenti (…..) Il peso del suo vestito è di 43 kg e l’ammalato ben raramente, estate e inverno, si astiene dall’ indossarlo.” E’ quanto viene riportato sulla didascalia di una foto dell’ epoca.

L’abito di Versino

Nella sala delle cosiddette menti criminali sono esposti manufatti realizzati da detenuti, ad esempio sculture in creta con scene che rievocano probabilmente le esperienze dell’autore. Una parete è occupata da una serie di orci per l’acqua, incisi con scritte e disegni da detenuti nel carcere di Torino, tristi tracce lasciate da vite oscure.
Un’altra sala è dominata dal grande plastico del carcere di Philadelphia, che costituì uno dei principali punti di riferimento delle carceri ottocentesche.
Nel corridoio di uscita sono esposti una serie di pannelli che illustrano alcuni degli argomenti  più annosi e scottanti toccati da Lombroso: come affrontare la criminalità, come identificarla, che cos’è un genio, quali cure per la malattia mentale, come funziona il cervello, emancipazione femminile, identikit del criminale, spiritismo e paranormale per finire alla tanto discussa e annosa questione legata alla cosiddetta “razza”.


Il razzismo lombrosiano è innegabile  (e deprecabile anche nell’ottocento) e va ovviamente inquadrato in un contesto culturale e sociale che appartiene alla sua epoca; oggi la conoscenza del DNA ha demolito il concetto stesso di  “razza” in quanto il colore della pelle (o la provenienza geografica) non possono avere alcuna rilevanza dal punto di vista intellettuale e morale.

Lo studio di Lombroso

Quasi alla fine del percorso una sala ospita quello che fu lo studio personale di Lombroso, che fu donato al museo nel 1947 dalla famiglia del suo allievo e genero Carrara. In questo spazio il visitatore vede il cranio di Villella protagonista sulla scrivania ed ascolta una voce sicuramente accattivante che pronuncia un discorso immaginario nel quale lo stesso Lombroso traccia un bilancio della sua esperienza culturale e scientifica.
Una considerazione andrebbe subito fatta: possiamo esporre un cranio con nome, cognome e luogo di nascita senza preliminari indagini per verificare se sia presente o meno una memoria locale di questa persona o, quanto meno, una traccia della sua esistenza ed eventualmente negoziare l’opportunità e/o le modalità dell’esposizione con i discendenti, qualora ve ne siano?  Se fosse stato esposto, a mia insaputa, un cranio con il mio nome, cognome e luogo di nascita, magari di una mia omonima antenata, come avrei reagito?


Non dobbiamo dimenticare, inoltre, che alcuni decenni dopo il cosiddetto “Risorgimento” un gruppo di esaltati criminali ha identificato in alcune razze l’origine dei mali del mondo fino a teorizzarne lo sterminio totale: questi signori sono stati chiamati nazisti e sono tuttora condannati in tutto il mondo mentre chi ha sterminato i meridionali, “confortato” anche da false e pericolose teorie, oggi viene considerato ancora un eroe ed  ha grandiosi monumenti nelle nostre piazze.
Si può comprendere che l’Università di Torino voglia mantenere un museo dedicato alla criminologia, scienza riconosciuta, ma non capisco perché non si debba restituire il cranio del povero Giuseppe Villella al paese d’origine, oltretutto dopo il pronunciamento in tal senso del Tribunale di Lamezia Terme.
E mi chiedo perché non si possa cambiare nome al museo per dedicarlo ad uno scienziato più serio e credibile.

Giovedì 14 Luglio 2016
N. 150


lunedì 11 luglio 2016

“Così avete ridotto un popolo che non conosceva miseria in nome di una falsa libertà”



fame post unita d'italia

  IL DOCUMENTO / Dal Trovatore del 1871: 
“Così avete ridotto un popolo che non conosceva miseria in nome di una falsa libertà”

L’8 maggio 1863 Lord Lennox parlò alla Camera dei Comuni del viaggio che aveva fatto in alcune carceri dell’ex Regno di Napoli, esprimendo le sue forti perplessità per gli esiti della rivoluzione italiana. Particolarmente interessante è questo stralcio in cui il lord riporta le parole di un illustre detenuto, il conte de Christen, valoroso condottiero legittimista:
– Il Conte Christen mi fece segno di andare verso di lui e disse «Milord, io apprezzo le vostre sensibilità. Mi accorgo che sentite pietà di me, ma abbiatela piuttosto per coloro che degradano il nome della libertà coi trattamenti che soffro».
De Christen fu probabilmente facile profeta, poiché in seguito alle brutalità subite in nome della libertà dai liberali, i napoletani “odiarono la libertà”.

C’è stato chi come Luigi Chiurazzi, editore e poeta, che distinse nella sua “Aummaria”, tra la libertà in sé e quella “mo portata” dalle bajonette dell’invasore:

Bella è la libertà, cara stemmata,
(La vera, non già chesta mo portata!)
Sta gioia de le gioie è n’armonia

Mentre Ferdinando Russo, poeta verista, profondo conoscitore della Napoli più autentica, più volte fa maledire la libertà e la modernità dai suoi personaggi. Evidentemente il poeta riportava ciò che ascoltava dalla viva voce dei popolani dell’ex capitale, come ad esempio in ‘O Luciano d’o Rre:

‘A libbertà! Chesta Mmalora nera
ca nce ha arredute senza pelle ‘ncuolle!…
‘A libbertà!.. ‘Sta fàuza puntunera
ca te fa tanta cìcere e nnammuolle!…
Po’ quanno t’ha spugliato, bonasera!
Sempe ‘a varca cammina e ‘a fava volle,
e tu, spurpato comm’a n’uosso ‘e cane,
rummane cu na vranca ‘e mosche mmane!..

Anche in questo articolo de Lo Trovatore che riproponiamo, la libertà viene considerata la causa dei mali che affliggevano il vecchio regno delle Due Sicilie. Non deve meravigliare questa forte ostilità verso ciò che noi consideriamo forse il bene più prezioso. Basti pensare ad esempio che il diritto al voto riguardava solo una sparuta minoranza selezionata in base al sesso, al censo e all’istruzione, meno del 5% della popolazione. Gli altri ovviamente avevano il dovere di pagare le esose tasse nazionali e locali per mantenere i privilegi di una casta famelica e spietata. Pochi anni dopo la stesura di questo articolo, comincerà una lunga protesta silenziosa: l’emigrazione “pe terre assaje luntane”. Ma questa è un’altra storia che continua ancora oggi! (Vincenzo d’Amico)

Leggiamo nel Pungolo del dì 8. che gli scrivono da Tarantola, paese in quel di Chieti, ove dice il corrispondende del Pungolo, i poveri operai non ànno altro cibo che erbe, alcune povere donne, salite sulla Majella in cerca di erbe per mangiare, colsero in gran copia di crepis lacera chiamata comunemente cassella, ed ignorando la forza venefica di quella pianta la portarono a manate nel paese, e chi cottala a minestra la mangiò con la famigliuola, chi ne vende ai proprietari per pochi centesimi.
Il sapore grato dell’erba e la miseria non permettendo a quella povera gente di mangiare altro che la minestra, fecero sì che lo avvelenamento si sviluppasse con grande forza. Allorché questo si manifestò coi suoi sintomi dolorosi, si chiese del medico, e i rimedi efficaci salvarono la vita ad oltre 60 persone ma non giunsero a salvare sette donne che avevano mangiato maggior quantità di quell’erba.
Ci sanguina il cuore, ci trema la penna nello scrivere simili fortissime sventure…. Ecco a che avete ridotto, o truffaldini, un popolo che prima non conosceva la miseria, un popolo che cibavasi di pane ed ora è costretto cibarsi d’erbe velenose per attutire gli stimoli della fame. Ecco i frutti della vostra libertà politica, della vostra amministrazione ladra, della vostra iniqua opera settaria. Ecco altre sette vittime che la storia di questi dieci anni registrerà accanto a quelli degli altri 50 mila uccisi, morti nello esilio, nelle carceri, su di un giaciglio suicidati, o fra i dolori della fame… Scellerati!
E venite ancora a parlaci di progresso, di bene pubblico, di sviluppo del sociale benessere? Venite ancora a dirci che il proletario oggi à riconquistato un dritto che prima non aveva? Ma quale dritto? forse quello di divenire un assassino, o morir di fame? Ministro Sella, ecco come si rattrevano quei contribuenti a’ quali voi scortichino famoso, vampiro crudele non desistete di levare l’ultimo pezzo di pelle, succhiare l’ultima goccia di sangue per riempire gli scrigni dei vostri consoci di questa baraonda ladronesca… E che più di peggio poteva fare un’orda di ostrogoti o vandali?
Ah che forse supponete voi, o tristissimi fra tutti i tristi del mondo, che fra i concortimenti delle ultime agonie della morte, mentre il veleno rodeva con indicibile spasimo le vittime di quelle sette vittime, Iddio non vi lanciò la sua maledizione eterna, la quale vi colpirà come fulmine a ciel sereno, frammezzo ai vostri baccani ed alle vostre orgie?
La voce dell’umanità straziata da voi, troverà alfine ascolto presso il trono di Dio. Voi miserabili che tuffate sino al braccio le mani nel sangue dei vostri fratelli; voi Caini, voi crudeli, barbari, efferati tiranni leggendo quelle poche righe che riporta con un cinismo svergognato un giornale della vostra stampa, voi dovreste tremare, voi dovreste sprofondarvi nello abisso, voi dovreste fuggire la luce del sole; voi dovreste implorare i monti che ci schiacciassero. Perfidi, imbecilli! credete forse che l’ora di Dio e del popolo non verrà? Oh verrà essa, si verrà, e sarà tanto più terribile, per quanto più si è fatta aspettare, credetci, la misura è colma, e traboccherà tosto!

Da Lo Trovatore del 16 maggio 1871


mercoledì 6 luglio 2016

Il massacro di Napoli e del Regno delle Due Sicilie appunti su un genocidio.


Nel 1815, quando i Borboni ritornarono a Napoli, la popolazione era di 5.060.000, nel 1836 di 6.081.993; nel 1846 la popolazione arrivò a 8.423.316 e dieci anni dopo a 9.117.050.
Questo vorticoso aumento della popolazione ha nome e cognome: benessere e progresso civile e sociale. Durante 127 anni di governo i Borboni diedero prosperità a tutto il popolo e da 3 milioni di anime, del 1734, si arrivò ai 9 milioni del 1856.

Cos’ era successo? Come fu possibile?

Nel Meridione non si costruivano strade fin dal tempo dei Romani e i vicerè spagnoli impoverirono la popolazione esigendo tasse e balzelli, i baroni inselvatichirono la vita civile, le campagne erano abbandonate, i boschi avevano invaso le terre fertili di buona parte del Regno, i pirati razziavano le coste, il commercio non esisteva quasi più e, non essendoci polizia, nessuno rispettava le leggi e solo gli  innominati di manzoniana memoria erano i veri padroni della società.
I Borboni  riuscirono dove gli altri fallirono, imbrigliarono e resero quasi innocui i baroni, costruirono strade, ricostituirono l’esercito e le amministrazioni locali cui diedero l’antica autonomia, diedero impulso all’industria, all’agricoltura, alla pesca, al turismo.
Da ultimo, tra gli Stati, divenne il primo d’Italia e tra i primi del mondo. Le ferrovie, inventate nel 1820,  fecero la loro prima apparizione a Napoli (1839) con il tratto che congiungeva la capitale a Portici e poi fu concessa al Bayard di continuarla fino a Castellammare. A spese del tesoro nel 1842 cominciò quella per Capua e poi l’altra per Nola, Sarno e Sansevero. Nel 1837 arrivò il gas e nel 1852 il telegrafo elettrico.
Col benessere aumentava la popolazione in tutto il regno e per questa stessa ragione anche le entrate pubbliche che, di fatto, quintuplicarono.

Le strade erano sicure, non più masnadieri per terra ne pirati per mare; eliminate le leggi feudali fecero ordine sui territori e concessero, primi al mondo, la terra a chi la lavorava; furono così estirpate le boscaglie per far posto a frutteti e vigneti; furono prosciugate le paludi in tutto il regno e regalate ai contadini; furono arginati fiumi e torrenti.
Si mise ordine all’ amministrazione pubblica.
La scuola pubblica fu istituzionalizzata come primaria e quella religiosa a far da supporto. Laicismo e religiosità si confondevano, dando al regno nuovo impulso culturale. Fiorirono pittori, architetti, scultori, musicisti e grande sviluppo ebbe  l’artigianato.
Il teatro San Carlo, fu costruito in soli 270 giorni e la stessa corrente culturale fece nascere l’Officina dei Papiri, il Museo Archeologico, l’Orto Botanico, l’Osservatorio Astronomico, la Biblioteca Nazionale e, primo al mondo, l’Osservatorio Sismologico Vesuviano.
Lo sviluppo industriale fu travolgente e in venti anni raggiunse primati impensabili sia nei settori del tessile che in quello metalmeccanico con 1.600.000 addetti contro il 1.100.000 del resto d’Italia.
Nacquero industrie tecnologicamente avanzate, dando vita a ferrovie e battelli a vapore e costruendo i primi ponti in ferro in Italia, opere d’alta ingegneria in parte ancora visibili sul fiume Calore e sul Garigliano.
La navigazione si sviluppò in modo impressionante, tanto che il governo borbonico fu costretto a promulgare, primo in Italia, un Codice Marittimo creando dal niente una rete di fari per tutta la costa.
Le navi mercantili del Regno delle Due Sicilie solcavano i mari di tutto il mondo e la sua flotta era seconda solo a quella Imperiale Inglese e così pure la flotta da guerra, terza in Europa dietro quella inglese e quella francese. Le compagnie di navigazione pullulavano e così pure i cantieri navali, tutti forniti di manodopera di prim’ordine; i suoi maestri d’ascia e così i velai e i carpentieri erano richiesti in tutto il mondo.
Le industrie tessili, navali, metalmeccaniche pullulavano in tutto il regno: quella di Pietrarsa, con mille operai e settemila d’indotto, ne era la punta di diamante. Gli operai lavoravano otto ore al giorno e guadagnavano abbastanza per sostentare le loro famiglie e primi in Italia usufruirono di una pensione statale in quanto fu istituito un sistema pensionistico (con ritenuta del 2% sugli stipendi).

Nel Regno la disoccupazione era praticamente inesistente e così l’emigrazione.

Oltre al milione e seicentomila addetti nell’industria vi erano duecentomila commercianti e tre milioni e mezzo di contadini.
Il denaro circolava e le banche sovvenzionavano  le imprese con mutui a basso interesse.  Gli sportelli bancari erano diffusi in ogni paese e villaggio e prime al mondo, le banche del Regno, furono autorizzate dal Governo ad emettere i polizzini sulle fedi di credito ossia i primi assegni bancari della storia economica moderna.
Il turismo non era da meno delle altre industrie: la Sicilia, la Campania, il basso Lazio erano ricchissimi di reperti archeologici greci e romani che, affiancati da musei e biblioteche, diedero un impulso notevolissimo alla costruzione di alberghi e pensioni in quanto i viaggiatori aumentavano anno dopo anno.
Sorsero così le prime agenzie turistiche italiane e Carlo III di Borbone intuendo l’importanza di Pompei ed Ercolano, profondendo mezzi e denaro fondò l’Accademia di Ercolano, dando così, di fatto, inizio agli scavi.
Oggi Pompei è una delle città più visitate del mondo, con un milione di presenze all’ anno.
Oltre a bonificare le paludi, per dare lavoro ad operai e contadini, istituirono collegi militari come la Nunziatella, Accademie Culturali, scuole di Arti e Mestieri, Monti di Pegno e Frumentari
Le Università sfornavano fior di professionisti e scienziati e il Regno poteva vantare il più basso tasso di mortalità infantile in Italia. Erano sparsi sul territorio ospedali, ospizi e ben 9.000 medici.
Lo Stato godeva di buona salute, il deficit era quasi inesistente ed il suo patrimonio aureo era invidiato da tutte le nazioni.
Avendo buona amministrazione e finanze oculate la Borsa di Parigi, allora la più grande del mondo, quotava la Rendita dello Stato napoletano al 120 per cento, ossia la più alta di tutti i Paesi.
Nella conferenza internazionale di Parigi del 1856 fu assegnato al Regno delle Due Sicilie il premio di terzo paese del mondo, dopo l’Inghilterra e la Francia, per sviluppo industriale.
L’industria trainante, controllata con oculatezza dallo Stato e assistita dal sistema bancario non centralizzato, procurò dapprima i beni di consumo che servivano alla comunità per poi cominciare ad esportarli.
L’industria di trasformazione dei prodotti agricoli fu fondamentale per lo sviluppo dell’ agricoltura come quella tessile per la pastorizia. Centinaia di frantoi macinavano le olive, centinaia di mulini trasformavano in farina il grano del Regno, migliaia di forni sparsi per le città ed i villaggi lavoravano il pane, decine di pastifici producevano pasta e conserve.

Tutto questo è oggi, ai più, ignoto oltre che al Nord dell’Italia,  anche nel Mezzogiorno stesso.

Il 13 febbraio 1861 cadeva la fortezza di Gaeta: tre mesi di resistenza; tre mesi di massacri perpetrati dal generale Cialdini. 160 mila bombe rasero al suolo la città tirrenica e fiaccarono per sempre la sua vitalità.
Camillo Benso di Cavour diede al generale Cialdini l’ ordine di distruggere Gaeta in quanto stava ritardando i tempi per il suo disegno. Il Primo Ministro piemontese sapeva che il Piemonte era alla bancarotta, come sapeva che la sifilide lo stava divorando.
Prima di morire voleva vedere attuato il suo capolavoro: la cosiddetta Unità d’Italia.
Il 13 febbraio 1861 è una data che ogni Meridionale dovrebbe memorizzare perché da allora iniziò una resistenza senza quartiere contro gli invasori savoiardi che al Sud nessuno voleva.

Nacque in quel giorno la questione meridionale.

Il Sud prospero venne saccheggiato delle sue ricchezze e delle sue leggi; venne immolato alla causa nazionale; venne immolato alla massoneria che da Londra dirigeva e stabiliva il nuovo assetto mondiale. Il Regno delle Due Sicilie, unico stato libero ed indipendente da influenze straniere, fu dato in pasto agli affamati piemontesi.
Nel 1861 il Piemonte, per conto di Mr. Albert Pike, Gran Maestro Venerabile della massoneria di Londra, iniziava il più grande genocidio e  prima pulizia etnica della storia del nostro paese.
A metà agosto i giornali di regime stampavano con enfasi le vittorie militari dell’esercito sabaudo e fecero passare per una grande battaglia la scaramuccia di Castelfidardo, mentre calavano una cortina di silenzio sugli eccidi perpetrati dai generali piemontesi contro cittadini inermi.
Cannoni contro città indifese; fuoco appiccato alle case, ai campi; baionette conficcate nelle carni dei giovani, dei preti, dei contadini; donne incinte violentate, sgozzate; bambini trucidati; vecchi falciati al suolo.
Ruberie, chiese invase, saccheggiati, i loro tesori rubati, quadri, statue trafugate, monumenti abbattuti, libri bruciati, scuole chiuse per decreto.
La fucilazione di massa divenne pratica quotidiana. In dieci anni dal 1861 al 1871 circa novecentomila cittadini furono uccisi su una popolazione complessiva di 9.117.050. Mai nessuna statistica fu data dai governi piemontesi. Nessuno doveva sapere.
Alcuni giornali stranieri pubblicarono delle cifre terrificanti: dal settembre del 1860 all’agosto del 1861 vi furono 8.968 fucilati, 10.604 feriti, 6.112 prigionieri, 64 sacerdoti, 22 frati, 60 ragazzi e 50 donne uccisi, 13.529 arrestati, 918 case incendiate e 6 paesi dati a fuoco, 3.000 famiglie perquisite, 12 chiese saccheggiate, 1.428 comuni sollevati.
Dati che erano sottostimati almeno di cento volte; le notizie il ministero della guerra le dava col contagocce, in quanto all’estero doveva apparire tutto tranquillo e mai giornalista fu ammesso a constatare ciò che stava accadendo nelle province meridionali. Il movimento rivoluzionario antipiemontese, chiamato brigantaggio, in realtà fu un grandissimo movimento di resistenza, per la difesa della loro patria, il loro Re e la Chiesa Cattolica, da un’ orda massonica che voleva colonizzare il Meridione.

Quella setta governa  ancora.

Le cifre che pubblicavano i giornali stranieri  erano sottostimate; il governo piemontese aveva dato ordine di mettere a ferro e fuoco il Regno delle Due Sicilie e dette carta bianca ai vari comandanti militari.  L’esercito piemontese fu ammaestrato ed addestrato agli eccidi di popolazioni inermi, a rappresaglie indiscriminate, al saccheggio, alla fucilazione sommaria dei contadini colti con le armi in mano o solamente sospettati, arresti di partigiani o solo sospettati di esserlo, fucilazioni, anche di parenti di essi, stato d’assedio di interi paesi.
Alcuni comandanti piemontesi emanarono, fra il 1861 e il 1862, bandi che i nazisti mai avrebbero sognato di applicare a popolazioni di origine germanica.
Naturalmente i piemontesi non erano italiani e si sentivano in diritto, contro tutte le convenzioni, e il diritto internazionale, di fare quel che volevano, di poter fucilare chiunque trasgrediva i molteplici divieti.
Generali, colonnelli, maggiori e ufficiali che parteciparono a quelle repressioni dovevano sentirsi, in cuor loro, dei codardi.
Diciamo semplicemente che erano dei criminali di guerra tanto è vero che ancora oggi, dopo 150 anni, nelle scuole non s’insegni la vera storia del Risorgimento piemontese che per il Sud, in realtà, fu vera colonizzazione e sterminio di massa.
L’aiutante di campo di Vittorio Emanuele II, generale Solaroli, definiva i contadini la più grande canaglia dell’ultimo ceto. I contadini dovevano essere tutti fucilati, senza far saper niente alle autorità. Imprigionarli non era conveniente perchè, una volta in galera, lo Stato doveva provvedere al loro sostentamento.
Il più determinato e feroce fu il criminale di guerra generale Cialdini, detto Berluski, il quale dopo aver massacrato Gaeta telegrafò al governatore del Molise: “Faccia pubblicare un bando che fucilo tutti i paesani che piglio armati e do quartiere solo alla truppa”,
Il generale Fanti emanò un bando che sanciva la competenza dei tribunali militari straordinari per i colpevoli di brigantaggio.
Il generale Pinelli si superò, estese la pena di morte a chi avesse: ” .. a coloro che con parole od atti insultassero lo stemma dei Savoia, il ritratto del re o la bandiera nazionale”.
Il generale Della Rocca, altro campione ed eroe piemontese, impartì l’ordine che:  “non si perdesse tempo a far prigionieri, dato che i governatori avevano fatto imprigionare troppi contadini”.
In una settimana nel Teramano furono fucilati 526 contadini e a Scurcola altrettanti, e così a Isernia e Rionero Sannitico e in mille altri paesi del Sud.
Il colonnello Pietro Fumel si vantava di aver fatto fucilare ” briganti e non briganti e sottoponeva a torture e sevizie inaudite i prigionieri.

IL NORD NON LASCERÀ AI MERIDIONALI NEMMENO GLI OCCHI PER PIANGERE

I Borboni avevano conservato il loro regno integro; i piemontesi, che avevano invaso un Regno senza dichiarazione di guerra, trovarono oro e denaro, saccheggiarono tutto quello che c’era da saccheggiare, massacrarono intere popolazioni, misero a ferro e fuoco il Sud per dieci anni, lo impoverirono, trasferendo tutte le sue ricchezze nel Piemonte.
Francesco II, partendo da Gaeta il 14 febbraio 1861, disse al comandante Vincenzo Criscuolo:  «Vincenzino, i napoletani non hanno voluto giudicarmi a ragion veduta; io però ho la coscienza di avere fatto sempre il mio dovere, Il Nord non lascerà ai meridionali neppure gli occhi per piangere”.

Mai parole furono così vere!

Dal 1860 al 1870 i piemontesi riuscirono a depredare tutto quello che c’era da prendere, svuotarono le casse dei comuni, quelle delle banche, quelle dei poveri contadini, quelle delle comunità religiose, dei conventi; saccheggiarono le chiese e le campagne; smontarono i macchinari delle fabbriche per montarli al nord; rubarono opere d’arte, quadri,  statue.
Nelle casse piemontesi finirono circa seicento milioni ricavati dalla vendita dei beni ecclesiastici e altrettanti dalla vendita dei beni demaniali che i Borboni, da sempre, riservavano ai contadini ed ai pastori.
Le miniere di ferro, il laboratorio metallurgico della Mongiana in Calabria; le industrie tessili della Ciociaria; le manifatture di Terra di Lavoro; i tanti cantieri navali sparsi per tutto il Mezzogiorno; la magnifica fabbrica di Pietrarsa che dava con l’indotto lavoro a settemila persone; le scuole pubbliche e, soprattutto, la dignità e la libertà furono tolte ai Meridionali i quali, coraggiosamente, preferirono andare a morire partigiani sui monti dell’ Appennino, piuttosto che veder calpestato il suolo della patria napoletana dalle “orde di assassjnj e ladroni del nord.
Erano così rapaci i fautori dell’Italia Unita che a Napoli furono trafugate anche le batterie della cucina dei palazzi reali. Presero la via di Torino anche due enormi mortai di bronzo cesellati, che stavano negli ospedali militari della Trinità e del Santo Sacramento, tali opere erano state create da Benvenuto Cellini.
Tutto il Sud fu razziato e spogliato delle sue fabbriche e delle sue ricchezze: a guerra civile terminata, nel 1871, le più oneste e migliori  menti della classe imprenditoriale, quel poco che restava di media borghesia oltre a una miriade di contadini e di operai del Sud, che fino al 1860 non avevano mai conosciuto l’emigrazione, furono costretti ad arricchire gli stati del continente americano.
Tutto cominciò quando il famoso, si fa per dire prode, “assassino e criminale di guerra”, Ferdinando Pinelli, varcò il Tronto con la sua armata e fu battuto dai contadini dell’ Ascolano. Fu preso a sassate ed una pietra colpì l’ardito generale che, adirato, dettò il seguente bando:
Ufficiali e soldati! La vostra marcia tra le rive del Tronto e quelle della Castellana è degna di encomio. S.E. il Ministro della Guerra se ne rallegra con voi.
Selve, torrenti, balze nevose, rocce scoscese non valsero a trattenere il vostro slancio; il nemico, mirando le vostre penne sulle più alte vette dei monti ove si riteneva sicuro, le scambiò per quelle dell’ aquila Savoiarda, che porta sulle ali il genio d’Italia: le vide, impallidì e si diede alla fuga.
Ufficiali e soldati!Voi molto operaste, ma nulla è fatto quando qualche cosa rimane da fare.
Un branco di quella progenie di ladroni ancora si annida tra i monti, correte a snidarli e siate inesorabili come il destino. Contro nemici tali la pietà è delitto.
Vili e genuflessi, quando vi vedono in numero, proditoriamente vi assalgono alle spalle, quando vi credono deboli, e massacrano i feriti. Indifferenti a ogni principio politico, avidi solo di preda e di rapina, or sono i prezzolati scherani del vicario, non di Cristo, ma di Satana, pronti a  vendere ad altri il loro pugnale.
Quando l’oro carpito alla stupida crudeltà non basterà più a sbramare le loro voglie, noi li annienteremo; schiacceremo il sacerdo tal vampiro, che con le sozze labbra succhia da secoli il sangue della madre nostra, purificheremo col ferro e col fuoco le regioni infestate dall’ immonda sua bava, e da quelle ceneri sorgerà rigogliosa e forte la libertà anche per la provincia ascolana”.
I Savoia, i Bixio, i Boiolo, i Brignone, i Cavour, i Cialdini, i Cugia, i Del Giudice, i De Luca, i Fantoni, i Farini, i Fumel, i Garibaldi, i La Marmora, i Martini, i Pinelli un giorno saranno processati da un tribunale Morale.  Saranno tutti condannati dalla storia
Fino al 1860, il Regno delle Due Sicilie, ricco di pace, di memorie, di costumi, di commercio, di prosperità, di arti, di industrie, di pesca, di agricoltura, di artigianato, era l’invidia delle genti: scuole gratis, teatri, opere d’ingegneria, meravigliosi musei, strade ferrate, gas, opifici, opere di carità, bacini, cantieri navali, arsenali davano lavoro a tutto il popolo.

Non c’era disoccupazione.

Era il primo stato Sociale, il primo stato Illuminato del mondo.
Doveva essere abbattuto. La massoneria non perdona chi vive in modo dignitoso e libero. La massoneria ha bisogno di servi, di schiavi e i liberali erano i loro lacchè.
Alessandro Bianco, conte di Saint-Jorioz, piemontese, sterminatore anche lui di gente, ebbe momenti di lucida analisi scrivendo le sue memorie sul brigantaggio e le cause che determinarono la rivolta contadina post-unitaria: “…Il Piemonte si è avvalso di esuli ambiziosi, inetti, servili, incuranti delle sorti del proprio paese e preoccupati soltanto di rendersi graditi, con i loro atti di acquiescente servilismo a chi, da Torino, decide ora sulle sorti delle province napoletane. E accanto a questi uomini, adulatori e faziosi, il Piemonte ha posto negli uffici di maggiore responsabilità gli elementi peggiori del paese: figli dei più efferati borbonici, per fama spioni pagati dalla polizia, sono ora giudici di mandamento o Giudici circondariali, sotto prefetti o delegati di polizia; negli uffici sono ora soggetti diffamati e ovunque personale eterogeneo e marcio che ha il solo merito di essersi affrettato ad accettare il programma Italia e Vittorio Emanuele ed una sola qualità:quella di saper servire chi detiene il potere”.
L’ipocrisia ed il servilismo di questi uomini aveva un suo fondamento: l’arricchimento personale. Questi, della Patria, se ne infischiavano come se ne fregavano se centinaia di migliaia di loro paesani venivano passati per le armi, anzi erano proprio loro a darli in pasto ai militari perchè non fossero d’ostacolo alle loro ruberie. La stampa di regime faceva il resto.
Tutto ciò che era o puzzava di Piemonte veniva glorificato e tutto ciò che era borbonico veniva additato al pubblico disprezzo.
Giuseppe Massari, per esempio, scriveva al Cavour che le truppe piemontesi negli Abruzzi e nel Molise vennero accolte come” truppe liberatrici e la gioia della folla era indescrivibile e grande l’entusiasmo popolare”.
Questo Sig. Massari, che poi fece parte della commissione d’inchiesta sul brigantaggio del Sud, voleva apparire agli occhi del Primo Ministro come colui il quale aveva fatto il miracolo di far diventare quelle popolazioni tutte filo piemontesi. Sapeva benissimo che la realtà era ben diversa: sia gli abruzzesi che i molisani accolsero i piemontesi a fucilate.
Una volta al potere quest’accozzaglia liberal-massonica inasprì fino all’inverosimile gli animi dei contadini che reclamavano giustizia e ricevevano torti; reclamavano i terreni demaniali e venivano scacciati con la forza da quelle terre; chiedevano pane e gli si dava morte.
A far traboccare la goccia dal vaso fu il bando che rivedeva la presentazione dei soldati di leva e degli sbandati entro il 31 gennaio 1861. Ovunque fosse stato affisso si verificarono disordini ed incendi di municipi; iniziò così la caccia ai giovani a agli sbandati con rastrellamenti scientifici. Tutti i renitenti venivano fucilati sul posto.

Cominciò così la resistenza armata contro gli invasori del Regno delle Due Sicilie.

Gli ufficiali piemontesi  non badavano alla forma; la fucilazione divenne una cosa ordinaria e cominciò così l’epopea della classe contadina, gli eccidi di intere popolazioni, gli incendi dei raccolti e delle città ritenute covi dei briganti.
I militari piemontesi, i cosiddetti azzurri sabaudi, in nove mesi trucidarono 8968 contadini, senza pietà; eseguivano ordini criminali ed i superiori davano loro facoltà di razzia e di saccheggio.
Cominciarono ad incendiare paesi interi per incutere timore, paura e terrore.In poco tempo tutto il Sud insorse contro i nuovi invasori e pagò un prezzo altissimo in morti.
Scurcola fu devastata dai piemontesi e così Carbonara. Avigliano, Gioia del Colle e tante altre città furono bruciate ed i loro abitanti trucidati: Pontelandolfo, Casalduni, Venosa, patria d’Orazio, Barile, Monteverde, S. Marco, Rignano, Spinelli, Montefalcione, Auletta ed altre cento città.Mai conosceremo il numero dei contadini immolati, fucilati, trucidati.
Antonio Gramsci, nato ad Ales in Sardegna ma originario di Gaeta, che aveva dato i natali al padre Giuseppe nell’agosto 1860 ed il cui nonno, Don Gennaro Gramsci, era capitano della gendarmeria borbonica, parlando della questione meridionale ebbe a dire che: “.. .Lo Stato italiano è stato una dittatura feroce che ha messo a ferro e fuoco l’Italia meridionale e le isole, crocifiggendo, squartando, seppellendo vivi i contadini poveri che gli scrittori salariati tentarono di infamare con il marchio di briganti”.
Il Piemonte stava massacrando un popolo, stava distruggendo l’economia del Meridione, stava imponendo con la forza il nuovo ordine voluto dalla massoneria inglese.
La legge borbonica sulla leva era mite ed accomodante; la Sicilia ne era esente.La legge di Ferdinando II del 1834 esentava i figli unici, i figli di vedovi, gli ammogliati, i sostegni di famiglia, i diaconi, i seminaristi; una famiglia con tanti figli ne dava solo uno per fare il soldato e a domanda si poteva essere esenti per grazia sovrana.
La legge piemontese distruggeva le famiglie e la loro economia. Tutti i figli maschi erano obbligati a prestare servizio militare e spesso mandati al nord a prendere istruzioni per poi andare a sparare contro i loro fratelli nel Sud.
Gli animi erano colmi d’ira, bastava un nonnulla per far scoppiare la rabbia che ognuno serbava in corpo. I contadini volevano restaurare l’antico Regno delle Due Sicilie,  i liberalmassoni volevano i Savoia che garantivano loro potere e denaro.

L’ORDA MASSONICA

In un mondo di topi nasce un popolo di roditori
Il Piemonte: servo dei voleri della massoneria, indirizza da sempre la politica italiana.
Nel 1861 il Piemonte faceva capo alla gran Massoneria di Mister Albert Pike ed oggi alla Trilateral Commission.
Il 12 marzo 1849 sul Globe, quotidiano inglese, portavoce dell’alto iniziato Palmerston, ministro della regina Vittoria, apparve un articolo che era praticamente un vero libro profetico e possiamo dire, senza enfasi, che era stato preparato segretamente nel Sacro Tempio della massoneria londinese:
“.. .E’ da ritenere che gli accadimenti dell’anno scorso non siano stati che la prima scena di un dramma fecondo di risultati più vasti e più pacifici. L’edificio innalzato dal Congresso di Vienna era così arbitrario e artificioso che ciascun uomo di stato liberale vedeva chiaramente che non avrebbe sopportato il primo urto dell’Europa. L’intero sistema stabilito dal Congresso di Vienna stava dissolvendosi e Lord Palmerston ha agito saggiamente allorché ha rifiutato il proprio concorso a opporre una diga all’onda dilagante. Il piano che egli ha concepito è quello di una nuova configurazione dell’Europa attraverso la costituzione di un forte regno tedesco che possa costituire un muro di separazione fra Francia e Russia, la creazione di un regno polacco-magiaro destinato a completare l’opera contro il gigante del nord, infine un reame d’Italia superiore guidato dalla casa Savoia.”
Il disegno era chiaro, doveva essere attuata la profezia di Comenius espressa in Lux in Tenebris, secondo la quale sarebbe dovuta sorgere dalle, tenebre come fonte di luce una Super-chiesa che integrasse ogni religione attraverso i Concistori nazionali, le Chiese Nazionali, onde giungere in nome di un umanesimo unitivo ed a carattere filantropico e tollerante, a proclamare l’uguaglianza e la pari dignità di tutte le religioni
Questo progetto si scontrava con un ostacolo formidabile: la chiesa cattolica con la sua gerarchia, la cattolicissima casa Asburgo d’Austria, la Santa Russia degli zar ed il Regno delle Due Sicilie, primo stato al mondo, quest’ultimo, che aveva saputo integrare il dogma cattolico con il verbo del Vangelo; tradotto in pratica da leggi che non disdegnavano le novità della rivoluzione francese o quelle comuniste del Campanella e di Marx.
Questo nuovo ordine doveva portare sconvolgimenti politici e morali d’inaudita violenza.
In Italia il compito di capovolgere detto ordine, come abbiamo visto nell’ articolo del Globe, fu assegnato al Piemonte e a casa Savoia, votata alla Gran Consorteria. Gli altri sovrani infatti erano tutti devotissimi alla Chiesa di Roma. Lo Stato più retrivo d’Italia avrebbe dovuto dare luce allo stivale! Al suo servizio la massoneria londinese mise uomini, denaro e mezzi; soprattutto denaro ed oro. Casa Savoia doveva eseguire spietatamente gli ordini di Londra dopo.
Londra mandò Lord Gladstone a Napoli e Lord Mintho ed altri emissari nelle varie province italiane a preparare la rivoluzione liberale agli ordini di Giuseppe Mazzini, capo della Carboneria Italiana, il cui scopo finale, secondo il suo fondatore genovese Antonio Maghella, era  “.. .quello di Voltaire e della rivoluzione francese: il completo annientamento del cattolicesimo ed infine del cristianesimo”.

Ma torniamo ai nostri contadini e operai napoletani

Il Regno delle Due Sicilie fu conquistato militarmente e senza dichiarazione di guerra.

Era indipendente fin dal 1734 ed era guidato da un re italiano che parlava napoletano. Il suo popolo era ingegnoso, pacifico, prospero; la sua industria dava lavoro a due milioni di persone, l’agricoltura era fiorentissima, la flotta contava 9848 navi, seconda solo a quella Iimperiale  Inglese, le riserve auree erano attive e non vi era deficit pubblico; la disoccupazione era zero.
Il piccolo Piemonte, armato dalla massoneria inglese, strumento e servo di Lord Palmerston, scatenò nel Sud una repressione feroce contro i contadini e contro il clero.

Dal 1860 al 1871 il Meridione divenne un inferno.

Il terrore imperava, il genocidio di massa fu regola e legge. Si doveva distruggere un popolo la cui colpa era quella di essere cattolico e fedele al suo re, al papa e alla sua terra, che da sempre considerava la sua patria.
Il Piemonte era stato delegato dalla massoneria inglese a creare una borghesia laica, liberale, vorace, senza scrupoli.
Accentrò il potere, annullò l’autonomia impositiva dei comuni; annullò tutte quelle istituzioni, sia pubbliche che religiose, che per secoli avevano consentito un equilibrio unico al mondo, che consentivano ai deboli di difendersi dai soprusi dei ricchi.

Il Piemonte annullò lo stato sociale che i Barbone avevano eletto a patrimonio morale.

Il Piemonte, grazie alla politica dei vari governi incamerò centinaia di milioni dalla vendita dei beni ecclesiastici e demaniali.
Nel 1860 il debito pubblico del Piemonte ammontava alla somma di oltre un miliardo di lire di allora (1.159.970.595.43)  e doveva pagare £ 57.561.532.18 di interessi annui alle banche inglesi, una montagna di debiti, una voragine spaventosa che 4 milioni di abitanti non sarebbero mai riusciti a pagare.

Tale debito fu caricato con lagrime e sangue  sulle spalle delle popolazioni  annesse con l’Unità d’Italia.

Secondo i dati del primo censimentonto dell’Italia unita (1861) risulta che su 668 milioni di lire incamerati nelle casse piemontesi, ben 443 appartenevano al Regno delle Due Sicilie

NORD LADRO

Quando si parla d’industria, l’immaginario collettivo pensa al Nord, pensa al triangolo industriale Milano, Genova, Torino, come se il Padreterno avesse eletto i padani a condurre l’economia, come se i meridionali fossero incapaci di produrre beni, ma solo in grado di consumare ricchezza.
Leggendo le statistiche del primo censimento dell’unità d’Italia, ci accorgiamo che gli addetti nell’industria
erano 1.595.359 nel Regno delle Due Sicilie
contro i 376.955 del Regno di Sardegna,
i 465.003 della Lombardia,
i 66.325 del Ducato di Parma,
i 71.759 di Modena, Reggio Emilia e Massa,
i 130.062 della Romagna,
i 16.344 delle Marche,
i 10.955 dell’Umbria,
i 33.456 della Toscana.
Questi sono dati forniti dal governo piemontese nel 1861 e quindi inconfutabili. 1.595.359 addetti nell’industria del Regno Borbonico contro 1.170.859 addetti del resto d’Italia.
La Campania nel 1860 era tra le regione più industrializzata del mondo ed oggi, dopo 150 anni di potere liberal massonico, è definita terra di camorra.
Per oltre un secolo scrittori salariati dal regime massonico hanno denigrato i Borboni ed il loro Regno, tanto che la parola borbonico, nell’accezione imperante, è diventata sinonimo di arretrato, di inefficiente.
Naturalmente i pennivendoli del Nord e del Sud, baldracche allo stato dell’arte, feccia immonda senza nerbo ed imputridita, letame e monnezza, ai quali stava e sta a cuore solo il più bieco servilismo nei confronti del regime piemontese prima e borghese massonico capitalista oggi, hanno infangato un popolo, un Regno e la sua amministrazione, la sua efficienza amministrativa e tributaria, hanno infangato i contadini del Sud che erano accorsi a difendere la loro patria chiamandoli briganti, hanno infangato la storia.

Oggi  è sotto gli occhi di tutti la voragine debitoria di questo Stato!

Nel 1860 scannarono il Sud e il Sud ha pagato un prezzo enorme alla causa unitaria: quasi un milione di morti, tra fucilati, incarcerati, impazziti, un decimo della popolazione, 20 milioni di emigranti; la spoliazione delle terre demaniali e dei beni ecclesiastici, tutti i risparmi dei Meridionali rapinati.
I pennivendoli di regime continuano a scrivere libri di storia menzogneri sull’Unità d’Italia, danno al Sud colpe tremende di parassitismo; continuano a chiamare “borbonica” la cattiva amministrazione e la burocrazia di stampo piemontese e, soprattutto, sono riusciti ad inculcare nell’immaginario collettivo, senza spiegarne le cause, bombardando continuamente le menti ormai fiaccate della gente, che Sud vuol dire mafia, vuol dire camorra, vuol dire ‘ndrangheta, vuol dire far niente, vuol dire assistito.
Ecco, questi pennivendoli sperano di mettere un velo sull’intelligenza umana, di far dimenticare a qualcuno le miserie del Nord, gli eccidi perpetrati dagli invasori piemontesi, le prepotenze dei liberalmassoni di ieri e di oggi e soprattutto vorrebbero farci dimenticare che il Sud era ricco.

Le finanze del Regno delle Due Sicilie nel 1860 costituirono un bottino enorme per i piemontesi ed i mercenari garibaldini al soldo inglese.

Vittorio Gleijeses nella sua Storia di Napoli scrive: “… il tesoro del Regno delle Due Sicilie rinsanguò le finanze del nuovo stato, mentre l’unificazione gravò sensibilmente la situazione dell’Italia meridionale, in quanto il Piemonte e la Toscana erano indebitate sino ai capelli ed il regno sardo era in pieno fallimento. L’ex Regno delle Due Sicilie, quindi, sanò il passivo di centinaia di milioni di lire del debito pubblico della nuova Italia e, per tutta ricompensa, il meridione, oppresso dal severissimo sistema fiscale savoiardo, fu declassato quasi a livello di colonia. Con l’unificazione, a Napoli, aumentarono le imposte e le tasse, mentre i piemontesi videro ridotti i loro imponibili e col denaro rubato al Sud poterono incrementare le loro industrie ed il loro commercio”.
Ferdinando Ritter ha scritto che: “… il Regno delle Due Sicilie contribuì alla formazione dell’ erario nazionale, dopo l’unificazione d’Italia, nella misura di ben 443 milioni di lire in oro, mentre il Piemonte, la Liguria e la Sardegna ne corrisposero 27, la Lombardia 8,1, il Veneto 12,7, il Ducato di Modena 0,4, Parma e Piacenza 1,2, la Romagna, le Marche e l’Umbria 55,3; la Toscana 84,2; Roma 35,3…“.
La ricchezza del Regno delle Due Sicilie era dovuta alla buona amministrazione pubblica che dava autonomia impositiva ai comuni.  Il Sud godeva di un patrimonio aureo di poco inferiore al mezzo miliardo di lire in oro, più del doppio di quello degli altri Stati d’Italia.
Nel Regno delle Due Sicilie l’emigrazione era una parola inesistente nel vocabolario; tutti avevano un lavoro, l’occupazione era completa, la scuola era pubblica e gratuita per tutti, ne mancavano quelle private e quelle religiose; i vecchi venivano accolti in ospizi pubblici o religiosi; i braccianti agricoli, quando non trovavano lavoro nelle tenute dei possidenti, scorticavano le montagne demaniali e vi impiantavano vigne, frutteti, uliveti; i pastori avevano libero accesso ai pascoli; i pescatori utilizzavano pescherecci moderni costruiti nei cantieri navali del Regno; i naviganti solcavano tutti i mari del mondo trasportando le merci prodotte nelle fabbriche del Meridione d’Italia.
I prodotti agricoli, essendo il vanto di un’ agricoltura sana venivano trasformati negli opifici locali e destinati all’ estero dopo aver soddisfatto le esigenze degli indigeni.
Si rimane  esterrefatti nel leggere le statistiche relative all’industria tessile, all’industria metalmeccanica a quella ferroviaria e mercantile del Regno delle Due Sicilie, in quanto le nostre orecchie sono state abituate da sempre a sentire parlare di un Sud povero, pieno di mafiosi e di nulla facenti, insomma un popolo di terroni.
Nel Meridione vi era una fittissima rete di opifici tessili che davano lavoro a decine di migliaia di operai, di fabbriche metallurgiche e mercantili che, con una grossa rete di maestri artigiani e una moderna industria di trasformazione agricola, formavano un tessuto laborioso di prim’ ordine.
Nel corso dei secoli il Sud era sempre stato un paese esportatore di materie prime ed importatore di manufatti.
Dal 1820 al 1860 la situazione cambiò radicalmente: una vera rivoluzione. Nel 1834 il Regno delle Due Sicilie esportò lana per 65.991 ducati; nel 1842 ne vennero importati 1.000 quintali per soddisfare le esigenze delle nostre industrie del settore; quantità che aumentò nel corso degli anni. Nel 1852 si importarono 15.000 quintali di lana.
Il cotone cominciò ad essere importato attorno agli anni trenta in  quanto le industrie del Sud avevano esigenze nuove. Nel 1838 vennero importati 1710 quintali di cotone; nel 1852 i quintali arrivarono a 11.078. Il cotone filato passò dalle 1.439 tonnellate del 1830 alle 3.429 del 1855.
I prodotti manifatturieri in un primo momento servirono a soddisfare le esigenze del mercato interno in continua espansione, per poi essere esportati in tutto il mondo. Da grande esportatore di lana, il Sud divenne in un ventennio grande consumatore del prodotto. Nel 1855 s’importarono cotone e lana per circa 100.000 ducati, prodotti che venivano lavorati nelle industrie del Sud.
Intere zone del Regno delle Due Sicilie vennero rivoluzionate in poco tempo per la gran massa di operai impiegati in quelle industrie. 200 mila persone, di cui centomila donne, lavoravano nel settore.
Nella Valle del Liri, in Ciociaria, gli imprenditori locali, aiutati da una politica bancaria equa, investirono in un anno quasi un milione di ducati nel settore tessile impiegando circa 15 mila operai su una popolazione di 30 mila abitanti producendo annualmente oltre 360.000 canne di tessuti.
Nel 1846 a Napoli ed in Terra di Lavoro lavoravano nel settore tessile 60 mila operai, pari al 28% della popolazione residente nel territorio.
Nel distretto di Salerno gli operai addetti nelle fabbriche tessili erano 10.244. Famosissime erano le tele di lino di Cava de’ Tirreni.
In una città come Arpino, sempre in Ciociaria, che contava 12 mila abitanti, vi erano 32 fabbriche che impiegavano 7.000 operai locali.
Questo pullulare di industrie aveva un unico titolare: il Banco di Napoli che, favorito dalle leggi del Regno e avendo grandi capitali da investire risparmiati dalle popolazioni meridionali, dava ricchezza rimettendo il denaro nel circuito locale. Il tutto veniva facilitato dalla continua protezione governativa.

L’INDUSTRIA METALMECCANICA NEL REGNO DELLE DUE SICILIE

Per difendere l’economia del suo regno, Ferdinando II il 15 dicembre del 1823 ed il 20 novembre del 1824, emise provvedimenti doganali che proteggevano lo sviluppo industriale autoctono.
Già nel 1818, pochi anni dopo la Restaurazione, abbandonando i criteri liberistici che producevano utili per pochi e disoccupazione per molti, il Sovrano napoletano aveva imposto dazi elevati sui prodotti stranieri importati e dazi minimi sulle merci d’importazione necessarie allo sviluppo delle sue terre.
Quanto alle esportazioni, erano stati fissati dazi elevati per le materie prime che potevano essere lavorate dall’industria napoletana.
Fin dal 1821, inoltre, erano stati aboliti i regolamenti sulle corporazioni. Erano stati spesso anticipati capitali ai manifatturieri da parte della Cassa di Sconto.
Questa politica fece dell’industria tessile e metalmeccanica due settori trainanti che portarono molti stranieri ad investire nel Meridione.
Tra essi ricordiamo l’industriale Guppyche, che con il suo connazionale Pattison, aveva intrapreso a Napoli la costruzione di macchine agricole e macchine a vapore
La fonderia di Macry ed Henry, con sede al Ponte della Maddalena, con mille addetti operava nel settore del ferro fuso.
Ferdinando II divenne, di fatto, il più dinamico imprenditore del Regno.
Nacque così il Reale Opificio Meccanico e Politecnico di Pietrarsa, nei pressi di Napoli, con mille operai specializzati, fiore all’occhiello dell’industria partenopea.
Lo stabilimento fu inaugurato nel 1840 da Ferdinando II di Barbone. Pietrarsa fu il primo nucleo veramente industriale italiano; lì si producevano, con tecnologie avanzate, treni e locomotive.
Le officine della Breda nacquero 44 anni più tardi e la Fiat 57 anni dopo.
Sempre su iniziativa del Re venne istituita la real fonderia in Castelnuovo (500 operai), la Real Manufattura delle armi in Torre Annunziata (500 operai), l’Arsenale di Napoli ed il Cantiere Navale di Castellammare (2.000 operai).
1.500 operai lavoravano alle Ferriere Mongiana in Calabria, con stabilimenti a Pazzano e a Bigonci.
Quattro altiforni producevano 21.000 quintali di ghisa, mentre 200 operai specializzati lavoravano nello stabilimento metalmeccanico di Cardinale, sempre in Calabria, e producevano 2.000 quintali di ferro.
Altri centri siderurgici e meccanici erano sorti a Fuscaldo (Calabria), Picinisco (Terra di Lavoro), Picciano (Abruzzo), Atripalda (Avellino). Altri ancora a Lecce, Foggia, Spinazzola: questi ultimi tutti specializzati nel produrre macchine agricole.
In ogni paese nacquero piccole industrie, che erano il nerbo dell’ economia reale del Regno.
Di notevole importanza erano le industrie della pasta alimentare, della  lavorazione del cuoio e per la produzione di colori,  delle maioliche, di vetri, cristalli, metalli preziosi, stoviglie, saponi, mobili, strumenti musicali di precisione.

LE FERROVIE NEL REGNO DELLE DUE SICILIE

Il 3 ottobre 1839 venne inaugurata la Napoli-Portici, la prima ferrovia italiana: la locomotiva a vapore coprì la distanza tra le due città in nove minuti, tra due ali di folla festante e curiosa di vedere tanta potenza in quello sbuffare di vapore.
I pennivendoli post-unitari si affannarono per sostenere l’inutilità di detta ferrovia, ritenuta un passatempo da giocattolo nelle mani del Re Borbone.
In realtà quegli intellettuali da strapazzo tentarono di oscurare la grandezza illuminata di Ferdinando II che, fortissimamente, aveva voluto dare impulso all’intero assetto industriale del Regno.
Altro che giocattoli! Dietro quella locomotiva c’erano le industrie di Pietrarsa, della Mongiana e mille altre; industrie con personale qualificato e specializzato e che preparavano i ragazzi con corsi di formazione.
Durante il discorso d’inaugurazione, Ferdinando II espose il suo progetto ferroviario.
Il Sud doveva essere attraversato da due grandi dorsali ferroviarie: la prima doveva collegare Napoli a Brindisi e dalla città pugliese la ferrovia avrebbe dovuto raggiungere Pescara, Ancona Bologna e, passando per Venezia, avrebbe dovuto ricongiungersi con le ferrovie danubiane e renane.
La seconda, partendo dalla Calabria e dalla Basilicata avrebbe dovuto raggiungere Roma per poi proseguire per Firenze, Genova e Torino.
Nel 1840 la via ferrata raggiunge Torre del Greco, nel 1842 Castellammare di Stabia, nel 1844 Nocera e quindi Salerno. A nord di Napoli si lavorava speditamente: nel 1843 la ferrovia giunse a Caserta e nel 1844 a Capua e Sparanise.
Sulla Gazzetta Piemontese del 30 marzo 1847, Ilarione Petitti di Roreto esprimeva la sua ammirazione per il programma ferroviario avviato nel Regno delle Due Sicilie.
Il Piemonte, arretrato e guerrafondaio, riteneva detti programmi fantascientifici; Cavour aveva altro a cui pensare e la storiografia ufficiale di regime fece passare per «grandi opere»la costruzione del canale chiamato poi di Cavour.
Il 16 aprile 1855 Ferdinando II emanò un decreto sottofirmato dal Direttore di Stato dei lavori pubblici, Salvatore Murena. L’art. 1 così recitava:
“.. .Accordiamo concessione al Sig. Emanuele Melisburgo di costruire una ferrovia da Napoli a Brindisi…”.
Nello stesso giorno il Re firmò un altro decreto in cui all’art. 1 dichiarava:
“accordiamo concessione al Barone D. Panfilo De Riseis, di costruire una ferrovia da Napoli agli Abruzzi, fino al Tronto, con una diramazione per Ceprano, una per Popoli, una per Teramo ed una per Sansevero…”.
Ferdinando II aveva previsto persino una ferrovia per il trasporto di animali dagli Abruzzi nelle Puglie per alleviare le fatiche dei mandriani e le relative perdite di giumente compensate così da un trasporto a tariffa conveniente.
Edoardo Spagnuolo, nel n°5 dei quaderni di Nazione Napoletana, così commenta la fine del sogno vissuto dalle popolazioni meridionali dopo l’annessione piemontese:
” I grandi progetti ferroviari del Governo Borbonico avevano dunque un fine preciso. Le strade ferrate dovevano divenire un supporto fondamentale per l’economia meridionale ed essere di servizio allo sviluppo industriale che il Mezzogiorno d’Italia andava mirabilmente realizzando in quei tempi.
Il governo unitario, dopo aver distrutto le fabbriche del Sud a proprio vantaggio, realizzò un sistema ferroviario obsoleto che, assieme alle vie marittime, servì non per trasportare merci per le manifatture e gli opifici del meridione ma per caricare masse di diseredati verso le grigie e nebbiose contrade del Nord o delle Americhe”.

LA MARINA MERCANTILE, LA VERA CAUSA PER LA  DISTRUZIONE DEL REGNO DELLA DUE SICILIE

Le industrie del Sud richiedevano continuamente materie prime e quindi c’era bisogno di navi che le trasportassero.
Essendo l’Italia meridionale attraversata da una dorsale appenninica formata di aspre montagne, e quindi da vie di comunicazione di difficile attraversamento, fu naturale, sin dai tempi dell’Impero Romano, che uomini e merci viaggiassero per mare.
Tutta la costa era punteggiata di centri i cui cantieri navali erano rinomati in tutto il mondo e che davano lavoro a migliaia d’operai che lavoravano nelle industrie collegate.
Nel 1818 il Regno delle Due Sicilie disponeva di 2.387 navi, nel 1833 il numero salì a 3.283, di cui ben 262 superiori alle 200 tonnellate e 42 che oltrepassavano le 300 tonnellate.
Nel 1834 i bastimenti arrivarono a 5.493 per salire a 6.803 nel 1838. Nel 1852 il numero di navi e bastimenti arrivò a 8.884.
Nel 1860 la flotta mercantile borbonica era la seconda d’Europa dopo quella inglese e contava 9.848 bastimenti per 259.910 tonnellate di stazza, dei quali 17 piroscafi a vapore per 3.748 tonnellate, 23 barks per 10.413 tonnellate 380 brigantini per 106.546 tonnellate, 211 brick schooners per 33.067 tonnellate, 6 navi per 2.432 tonnellate e moltissime imbarcazioni da pesca.
I cantieri navali erano sparsi per tutta la costa tirrenica, ionica e adriatica. Praticamente in ogni città costiera vi erano insediamenti accompagnati da scuole di formazione professionale e scuole marittime e nautiche.
Tutti pensano che Gaeta, allora, fosse solo una roccaforte militare che dava ospitalità a circa 10.000 soldati.
In realtà attorno alla fortezza ruotava un’ agricoltura ricchissima ed avanzata costellata da circa 300 trappeti che davano lavoro a centinaia di persone, come pure vi erano fabbriche di sapone e di reti.
Gaeta, come altre città del Regno, era ricchissima e la sua flotta mercantile vantava molte società di navigazione con al servizio duemila marinai sempre in viaggio.
Essa era composta da 100 brigantini e martegane, da 60 a 220 tonnellate di stazza, 60 paranzelle da 30-40 tonnellate e circa 200 barche a vela da 2 a 20 tonnellate di stazza che ogni giorno si recavano a Napoli o a Roma attraverso il Tevere trasportando merci e passeggeri.
I cantieri navali di Gaeta, da sempre attivi, costruivano brigantini, galeoni, saette e velieri che venivano anche esportati.
Tutto questo stava togliendo prestigio e competitività a una grane Marina, alla Marina Reale Inglese.
Le navi napoletane toglievano fette sempre più ampie al mercato della  cantieristica inglese, non solo erano ottime, ma  più economiche.
Il varo della prima nave a vapore del mediterraneo, l’attuazione di rotte che giungevano in America del Nord, del Sud e nel Pacifico, stavano intaccando i mercati  commerciali Imperiali.
Soprattutto, da lì a pochi anni si sarebbe aperto il canale di Suez, e tal cosa avrebbe rischiato di fare diventare  il porto  Napoli, uno dei porti più importanti dell’Europa ma innanzitutto la porta dell’Europa verso il cuore dell’impero inglese; le Indie.

Questo non  poteva essere più essere tollerato.

I Borboni erano a conoscenza di questo e, per calmare le acque, avevano praticamente dato la Sicilia in usufrutto agli  inglesi, le minieri di zolfo erano indispensabili agli inglesi per la produzione di polvere da sparo, ma non era bastato.
All’indomani dell’invasione piemontese, l’industria e la cantieristica del Regno delle Due Sicilie venne quasi praticamente tutta smontata e smantellata,  si doveva estirpare alla radice quel temibile concorrente economico.
Non solo, lo Stato Sabaudo, con una politica protezionistica a favore del Nord, con anticipi di capitale e generosi sussidi a favore delle compagnie liguri e della nascente industria padana, affossò patriotticamente la rimanente economia meridionale costringendo alla fame intere popolazioni.
Con l’avvento dei Savoia, il Sud importò solo fame e miseria per sconfiggere le quali erano possibili due soluzioni: la rivoluzione o l’emigrazione.
Il popolo tutto, verso la fine del 1860, insorse contro i piemontesi. Ma dieci anni di guerra civile, e una politica da terra bruciata da parte dei Savoia, finirono per distruggere  l’intero assetto economico del Regno e la nazione precipitò nel baratro.
Dopo la sconfitta i Meridionali furono costretti ad abbandonare in massa la  loro terra.

L’ISTRUZIONE PUBBLICA NEL REGNO DELLE DUE SICILIE

Nel 1734 il Sud andò a Carlo III di Borbone che, avendo in dote 28 milioni di ducati, pensò bene ricomporre lo Stato attraverso la cultura.
Nacque così il ‘700 napoletano.
La scuola fu l’ istituzione realizzata per imporsi e per rinnovare il sapere della gente.Ogni città, ogni villaggio doveva essere provvisto di scuole pubbliche.
Ogni provincia doveva avere una scuola per uomini ed una per donne, ove potessero apprendere le scienze primarie e le belle arti e, per i nobili, esercizi di colta società.
Nella capitale fiorì l’Università con le diverse specializzazioni, università che era considerata come l’atto finale e sublime della pubblica istruzione.
Nel 1806 molte leggi furono emanate nel Regno delle Due Sicilie : si ebbe l’apertura di scuole speciali come l’Accademia delle Belle Arti, la scuola delle Arti e mestieri, l’Accademia Reale militare, la  Politecnica, l’Accademia Navale, quella dei Sordomuti, una delle arti da disegno, un convitto di chirurgia e medicina, uno di musica.
I seminari furono conservati e potevano svolgere regolarmente e mirabilmente la loro funzione sociale.
Nacque allora anche la Società Reale, cioè un’accademia di storia ed antichità che si giovò di doni e privilegi e, così pure, quella detta d’incoraggiamento e pontaniana.
L’istruzione pubblica permise a tutti di imparare l’arte del leggere e dello scrivere, consentendo ai figli dei contadini l’accesso agli uffici pubblici, la carriera nell’esercito e soprattutto la presa di coscienza delle libertà individuali e dell’indipendenza di cui godeva il Regno delle Due Sicilie.
I Borboni profusero non poche energie per sviluppare l’istruzione pubblica che prima del 1806 era commessa a 33 scuole normali, ai  seminari delle Diocesi Vescovili, ai corpi religiosi e, come abbiamo già visto, all’Università degli Studi di Napoli.
Ad Avellino vi era un collegio che conferiva i Gradi accademici per la giurisprudenza, la teologia e la medicina.
A Salerno si davano i gradi in medicina; gradi che fecero del dottorato salernitano una scuola rinomata in tutto il mondo.
Dopo il 1810 in tutti i comuni si istituirono scuole primarie gratuite a spese dei municipi; molte ne furono istituite nei capoluoghi di provincia.
Ferdinando II volle incrementare la cultura ed il sapere nel suo Regno introducendo altre 16 cattedre nell’Università della capitale, l’Orto Botanico, il Collegio Veterinario; istituì quattro Licei a Salerno, Catanzaro, Bari e l’Aquila.
Le spese per l’istruzione pubblica ammontavano a circa un milione di ducati all’anno.
I regolamenti per le scuole primarie furono approvati il 21 dicembre 1819.
Le ministeriali del 12 giugno 1821 e 7 agosto 1821 stabilirono il modo come dovessero scegliersi i maestri nelle scuole primarie. Con decreto del 13 agosto 1850 il Re nominò i Vescovi ispettori di tutte le scuole del Regno, pubbliche e private.
A Napoli esistevano 14 istituti d’istruzione media superiore con 1.343 alunni; due istituti di nobili fanciulle con 303 educande; 32 Conservatori di musica frequentati da 2.134 studenti.
Dopo il 1861 il Piemonte, scientificamente, chiuse tutte le scuole che erano sovvenzionate con denaro pubblico.
L’operazione doveva servire a due cose: rendere il Sud schiavo e colonizzato e trasferire i soldi, tutti quelli possibili, al Nord.
Il Piemonte, indebitato di un miliardo di lire con le banche londinesi, aveva bisogno di liquidità costante, anche per portare a temine l’opera di pulizia etnica nel Mezzogiorno d’Italia.
Prima ad essere attaccata fu l’istruzione pubblica, poi vennero svuotati tutti i forzieri delle banche e quelli dei comuni. Mai, nel Sud, la barbaria fu più feroce ed infame.
Il Villardi, che era stato mandato nella capitale a smantellare 1’apparato scolastico napoletano, così ricorda:
“ Pareva che si volesse levar tutto a Napoli.  Oggi per esempio, noi abbiamo sciolto l’Accademia delle Belle Arti, mentre si pagano tutti i professori; per l’istruzione secondaria, in una città di cinquecentomila anime, non abbiamo che un liceo di sessanta alunni e questo con un ministro intelligente e pieno di volontà… “.
Ecco, il Regno delle Due Sicilie era finito nelle mani degli eredi di Vittorio Emanuele I, della dinastia più reazionaria d’Europa; quella cioè che, abolendo il Codice Napoleonico, ristabilì l’antica legislazione complicata e senza unità, i privilegi fiscali e l’antica legislazione penale con la fustigazione e, cosa più terribile, proibì i culti ai cattolici perseguitando anche mortalmente ebrei e valdesi e, cosa ancora più abominevole, ridiede tutta l’istruzione nelle mani delle scuole religiose a pagamento, abolendo quelle pubbliche istituite da Napoleone.
Allo stesso modo represse con ferocia i tentativi dei genovesi di riacquistare l’antica dignità e libertà*.
*Tra il 1 e il 10 aprile del 1849, il generale sabaudo Alfonso La Marmora ordinò ai suoi 30.000 bersaglieri il bombardamento di Genova che era insorta contro la tirannìa piemontese.
I bersaglieri misero a sacco la città depredando beni e cose, violentando donne e bambini.
Uccisero circa 600 Genovesi. Vittorio Emanuele II alla fine di quell’azione si congratulò con La Marmora definendo i cittadini di Genova “vile ed inetta razza di canaglie”.

Tutto ciò che era pubblico doveva essere abolito e così le scuole.
Chi non poteva pagarsi l’istruzione, secondo le leggi dei Savoia, doveva rimanere analfabeta e la classe contadina, chiamata dai montanari piemontesi classe infima da erudire con le fucilazioni e le torture.
In pochi mesi il governo piemontese distrusse secoli di cultura, di tradizioni, di storia, secoli di libertà e dignità.
Alla guida dei licei del Regno fu mandata gente illetterata, con il solo scopo di smantellare l’istruzione pubblica e rendere il popolo ignorante e servo.
In poco tempo i piemontesi, sotto la gragnuola di ispettori, vice ispettori, delegati, bidelli, funzionari ed impiegati, quasi tutti venuti dal Piemonte, i quali non conoscevano nemmeno la lingua italiana, “‘nfrancesati” come erano, massacrarono e dissolsero la scuola primaria e secondaria.
Gli scagnozzi e gli scherani di Vittorio Emanuele II, re dei galantuomini e della borghesia cisalpina, i servi del governo della destra storica, ebbero l’ordine di chiudere l’Accademia Napoletana delle Scienze e di Archeologia, famosissima in tutto il mondo, mentre L’Istituto delle Belle Arti fu abolito per decreto.
Mai i Borboni avevano dissacrato la cultura, né la religione, né la dignità dei contadini e degli operai. La scuola superiore era affidata ad uomini di grande reputazione morale e professionalmente preparati.
Ai sovrani napoletani poco importava, se politicamente fossero di idee repubblicane, liberali o legittimiste; sapevano che la matematica o la fisica non potevano essere politicizzate in una scuola seria
Uomini del calibro di Galluppi, Lanza, Flauti, De Luca, Bernardo Quaranta reggevano le cattedre universitarie.
Macedonio Melloni, cacciato da Parma per le sue idee liberali, fu accolto dai Borboni affinché portasse la sua esperienza nella scuola del Regno. Il Melloni era raccomandato presso il Governo Borbonico da Francesco Arago, ardentissimo e passionale repubblicano, ma ai Borboni interessava soprattutto“far funzionare le libere istituzioni nel modo migliore possibile”.
Quasi come adesso…….

Aneddoti

– Nel 1852 Re Ferdinandi I  fece un giro d’ispezione per il regno, in una sosta il valletto Galizia gli portò per pranzo due polli ma senza pane.«Non fa nulla» disse il monarca e mandò un ufficiale a prendere due pani. Il pane giunse, ma il re, notando che il principino ereditario mangiava solo il pollo, esclamò: «Né , Ciccí, tu magni senza pane?» Franceschiello si lagnò che era duro e muffito, «Magnatello, e l’avarissi siempe, ‘o magnano i surdati che sono meglio ‘e nuje» gli replicò il padre.
– Ferdinando I, rivolto a un ministro che criticava il Tanucci (a lungo al potere): «Zittati tu, isso è lu maestro, noi siamo li ciucci».


Fonte: Liberamente tratto da  srs di   Antonio Ciano


16 Risposte a “Il massacro di Napoli e del Regno delle Due Sicilie, appunti su un genocidio.”

  1. renato guarino scrive:
    la storia non è la bugia inventata da salariati storiografi per coprire il vero significato di guerre – uccisioni e annessioni ma quella descritta da queste pagine di struggente verità dove l’avidità,il genocidio e lo sterminio di massa hanno permesso a quattro pezzenti francofoni di assoggettare e depredare uno Stato che era una delle tre meraviglie del mondo antico.
    Viva il Re,viva Ferdinando II,viva il popolo del SUD,viva il Mediterraneo con i suoi colori azzurri e turchesi,viva infine chi cercherà di riportare il nostro popolo ai fasti che furono……..
    Viva il SUD
    a morte i sabaudi briganti e condanna a morte per il sifilide Cavour
  2. gobbi michele scrive:
    un evviva alle Terre del Sud ora e sempre. Egr sig.Renato Guarino mi piacerebbe scambiare qualche idea, in merito, con Lei. Puo’ comunicarmi la sua Email. Grazie
  3. cenci scrive:
    era ora che qualcuno iniziasse a far sapere un po di verita sul popolo del sud,sarebbe bello ritornare agli anni 1800 ma riprendendoci cio che ci è stato derubato
  4. luigi scrive:
    La cosa piu’ disgustosa e’ constatare che in 150 anni nulla e’ cambiato, il Sud resta la colonia delle industrie del nord, e la classe politica meridionale e’ al soldo di quella del nord, continuando a fare confluire le risorse economiche meridionali nelle tasche delle aziende del nord. Unica soluzione e’ l’indipendenza del Regno Delle Due Sicilie.
  5. Carlo Ceresa scrive:
    Dolorose spine al cor s’infiggono
    quando a rimembrar le glorie
    or che la nuda Dea
    a noi si svela orribile!!
    E mesto il pensier ricorre
    ai nostri perduti figli
    e a quel rimpianto regno
    che mai piu’ ritornera’.
    Ma in questi cuori nobili
    sempre quel sole splende
    e sulla perduta gente
    e mai tramontera’.
    A noi meridionali
    a cui di fango e ingiurie
    fecero orribile la maschera,
    spetta di uscir dall’ ombra
    per mostrar nitidi i visi
    e risuscitare gl’intelletti,
    per cancellare al mondo
    la fama degli inetti
    e conquistar domani
    quei primati antichi
    emulando gli illustri avi
    e il grande Regno che fu’.
    Forza e Onore !!!
  6. riccardo lapenna scrive:
    Il Villardi, che era stato mandato nella capitale a smantellare 1′apparato scolastico napoletano, così ricorda:
    “…..”.
    E’ possibile avere qualche informazione su “VILLARDI”?
    Per es.: nome di battesimo; carica ricoperta; provenienza;….
    Ho fatto delle ricerche, ma non ho rilevato alcun riscontro! Grazie.
  7. pavese30 scrive:
    L’aneddoto delle paludi prosciugate regalte ai contadini,mi sembra la costroneria più evidente….E mi domando perchè in quete revisioni storiche non ci siano mai link alle foto d’epoca,alle solfatare con i “carusi” che lavoravano nudi.
    Tutto falso?Tutto un complotto?I meridionali che hanno seguito i Mille non esisitevano?
    Sono più che certo che c’erano ricchezze,ma concentrate nelle mani di pochi.
    Invece non sono affatto certo delle industrie,sennò sarebbero semplicemente passate di mano e ne sarebbe restata traccia.
    Io non credo che la ricchezza del sud sia mai stata a beneficio del suo popolo.
    Sennò le cose sarebbero andate diversamente,come è sempre avvenuto con le vere invasioni,che hanno sempre suscitato una reazione.
    Poi chi non si sente italiano.è liberissimo.
  8. pavese30 scrive:
    Vi lascio un link
    http://www.150anni.it/webi/stampa.php?wid=93&stampa=1
    dove citano tra l’altro le basse tassazioni che portavano a grossi introiti dei privati benestanti,ma ad una bassa qualità dei servizi pubblici a beneficio di coloro che ne avevano bisogno,ed a questo scopo cita l’esempio del’epidemia di colera di Siracusa,con una gravità ed un livello di disperazione da ritornare addirittura alla caccia agli untori,con conseguente linciaggio anche di un impiegato pubblico.
    Mi sembra che trattino il problema in modo più obiettivo.
  9. Sandro 69 scrive:
    Caro Pavese 30… senza offesa. Studia e contestualizza le cose. Se vuoi ti porto a Mongiana (VV) e ti faccio vedere di persona quello che è stato negato. Leggi il libro di Aprile e capirai. E come lumbard godi ancora un pò che poi la pacchia finisce
  10. giorgio albano scrive:
    LA VERITA’ STORICA SERVE A FAR PACE CON TUTTI GLI ITALIANI, E SOLO QUANDO CIO’ SARA’ FATTO, L’ITALIA SARA’ VERAMENTE TUTTA UNITA, PERCHE’ DOPO L’UNIONE TERRITORIALE SI POSSA, FINALMENTE PARLARE DI POPOLO ITALIANO. VORREI CHE GLI STUDENTI DEL V° SUPERIORE STUDIASSERO CHE LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE NON SI EBBE SOLO IN INGHILTERRA, FRANCIA, BELGIO, GERMANIA, MA SOPRATTUTTO NEL REGNO DELLE DUE SICILIE.
  11. puddu scrive:
    Interessante l’articolo dei 150 anni. La parentesi francese in effetti modernizza il sud.La politica borbonica dopo aver limitato le baronie, non aveva privilegiato la borghesia e aveva in effetti lasciato liquidità. Il regno di Saredegna, molto più attivo e indebitato, indubbiamente ripianerà il proprio deficit con il tesoro Borbonico. Tutti e tre questi passaggi hanno fatto molte vittime, ma le facevano anche il Colera o i barbareschi. A ciascuno la libertà di pensare che fossero periodi ideali…a patto di non trovarsi tra le vittime. Se il regno delle due Sicilie fosse stato coeso e florido non avrebbe attirato prima il biasimo degli osservatori inglesi e avrebbe opposto strenua resistenza ai mille. Se invece fosse stato corruttibile, in balia delle concessioni inglesi, e frammentato tra penisola, Sicilia e Palermo, sarebbe caduto. Però le soppressioni delle proprietà ecclesiastiche (anche se facevano opere di assistenza) sono processi comuni a tutta l’Italia e ripetute in epoche differenti.
  12. Ellie scrive:
    Heƴ uun mio ɑmico mi ha girato la url di questo blog e sono venuto a
    vedere com’è. Mi piace parecchio. L’ho messo tra i preferiti.
    Bellissimo sito e grafica meraviglioso!!!
  13. nicola scrive:
    Sono scioccato da quello che ho scoperto e che la storia ufficiale ci ha nascosto! Il Sud Africa ha avuto il coraggio di affrontare il suo passato ed andare avanti civilmente, perchè noi( come Italia)non riusciamo dopo 150 anni ad ammettere ciò che è stato fatto ad una popolazione che viveva pacificamente?
  14. Napoli, turista giapponese aggredito e derubato finisce all'ospedale - Pagina 8 - DaiDeGas Forum scrive:
    […] far si che le persone rimanessero ignoranti le scuole a Napoli nel 1880 furono chiuse per 30 anni. Il massacro di Napoli e del Regno delle Due Sicilie, appunti su un genocidio. – VEJA.it fatti un poco di cultura prima di citare esempi fuori luogo, oltretutto si evince che spesso chi […]
  15. Stefano scrive: